Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE – Scoppia il caso sul reddito di cittadinanza per i disoccupati e i bisognosi. I consiglieri Udc: “E’ una bufala. Altro che 400 euro mensili, si tratta di poco più di 15 euro una tantum”


      Da giorni circola una voce secondo cui i marcianisani bisognosi possano fare richiesta per accedere al reddito di cittadinanza, consistente in 400 euro mensili. Già in 750 hanno presentato domanda. Ma il contributo che il Comune offre è una tantum, solo in occasione del Natale   “Una vera e propria presa in giro, quella […]

     

    Da giorni circola una voce secondo cui i marcianisani bisognosi possano fare richiesta per accedere al reddito di cittadinanza, consistente in 400 euro mensili. Già in 750 hanno presentato domanda. Ma il contributo che il Comune offre è una tantum, solo in occasione del Natale

     

    Una vera e propria presa in giro, quella che si sta perpetuando nei confronti dei cittadini marcianisani. Una vergognosa truffa nei confronti di tante famiglie che non arrivano a fine mese“. Queste le dure parole che i consiglieri dell’Udc marcianisana Franco Zinzi, Pasquale Salzillo e Carmen Foglia riservano alla vicenda che da giorni sta tenendo banco in città, creando confusione e non poche polemiche.

    Circola una voce secondo la quale i cittadini con reddito basso possano avere accesso ad un contributo di circa 400 euro mensili. Una falsa notizia, questa, che ha velocemente fatto il giro della città e che ha causato l’assalto ai patronati, ai quali i cittadini marcianisani meno abbienti si sono rivolti per farsi rilasciare il proprio Isee, utile a certificare il reddito annuo.

    Ad oggi, sono 750 i cittadini teoricamente “aventi diritto” al contributo mensile di cui sopra, che hanno affollato gli uffici comunali per avanzare la loro richiesta, e il numero è destinato ad aumentare. Peccato che questo contributo non esista, o meglio, che non sia un contributo mensile come molti, erroneamente, credono.

    I consiglieri comunali dell’Udc sono riusciti a venire a capo della situazione ed hanno scoperto che si tratta, in realtà, di una somma di denaro concessa una tantum, in occasione delle festività natalizie, alle famiglie richiedenti che abbiano i requisiti minimi di reddito.

    Un ulteriore chiarimento da fare riguarda la cifra del contributo: non 400 euro pro familia, ma una somma unica, che ammonta precisamente a 11.200 euro, previsti dal bilancio comunale, da dividere per il numero degli aventi diritto.

    Facciamo un calcolo semplice: 11.200 euro, divisi per gli attuali 750 richiedenti (e ricordiamo che il numero cresce ogni giorno) fanno poco più di 15,00 euro a testa.

    E’ bene che la cittadinanza sappia che si tratta di una truffa – si chiude la nota dei consiglieri – che noi dell’Udc condanniamo e denunciamo alla cittadinanza per evitare ulteriori delusioni e perdite di tempo“.

     

    Maria Concetta Varletta

     

    PUBBLICATO IL: 27 novembre 2013 ALLE ORE 16:03