Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE. Consiglio comunale al cardiopalma: disoccupato si presenta in aula con un cappio e minaccia il suidicio


    Il comitato dei disoccupati esterna la propria disperazione e cerca, dai rappresentanti del governo cittadino, risposte concrete alla crisi occupazionale che attanaglia le proprie famiglie

    cappio

     

    MARCIANISE. Uno spettacolo riprovevole. Chi ha avuto modo di partecipare al consiglio comunale di questa sera, ancora in corso mentre scriviamo, ha assistito a scene forti, a esternazioni di violenza verbale, quasi sfociata in quella fisica, di cui tutte le parti coinvolte, nessuna esclusa, sono parimenti responsabili.

    La schiera degli amministratori e quella dei disoccupati marcianisani: questi i due schieramenti che non se la sono certo mandati a dire, e, a suon di provocazioni reciproche, urla, hanno animato i lavori del civico consesso, interrompendoli a più riprese.
    Uno dei disoccupati del comitato di protesta, esasperato dalla criticità della sua condizione economica, dovuta alla prolungata mancanza di lavoro, ha dichiarato di essere pronto a togliersi la vita in aula, brandendo il cappio di una corda.

    E’ stato indispensabile l’intervento di diversi agenti della Polizia Municipale per tenere a bada le turbolenze.
    I toni si sono fatti sempre più caldi, fino a che si è resa necessaria l’interruzione della seduta per una conferenza dei capigruppo ad horas, utile a decidere se fosse il caso di continuare i lavori oppure rimandarli a data da destinarsi.
    Si è deciso per il sì, e, pur tra gli schiamazzi dei disoccupati che non hanno accennato a spegnersi, il consiglio comunale è proseguito.
    Domani vi parleremo nel dettaglio dei temi e degli ordini del giorno discussi.

     

    Maria Concetta Varletta

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    PUBBLICATO IL: 11 marzo 2014 ALLE ORE 0:27