Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE – Bilancio di previsione, l’Udc vota contrario. Il consigliere Franco Zinzi: “Vi spiego perchè ci siamo rifiutati di approvare l’inaccettabile”


          Riceviamo e pubbichiamo integralmente la nota stampa a firma del consigliere Udc Franco Zinzi, che motiva dettagliatamente la decisione del suo gruppo di votare contro l’approvazione del bilancio di previsione     MARCIANISE – “Ho votato contro questo bilancio, così come ha fatto l’intero gruppo dell’Udc , perché tale documento non poteva […]

     

     

     

    Riceviamo e pubbichiamo integralmente la nota stampa a firma del consigliere Udc Franco Zinzi, che motiva dettagliatamente la decisione del suo gruppo di votare contro l’approvazione del bilancio di previsione

     

     

    MARCIANISE – “Ho votato contro questo bilancio, così come ha fatto l’intero gruppo dell’Udc , perché tale documento non poteva affatto essere condiviso.

    Il bilancio previsionale è un documento politico, è la programmazione dell’azione politica di una amministrazione tradotta in numeri.

    Questo bilancio non programma alcunché se non l’ordinaria amministrazione, e al suo interno non si intravede nulla di tutto ciò che è stato portato all’attenzione della cittadinanza in campagna elettorale.

    La mancanza di idee balza agli occhi leggendo la cifra accantonata per il fondo di riserva, 432.297,00 euro! Una cifra enorme, mai congelata come fondo di riserva a Marcianise.

    A questo si aggiungono errori macroscopici negli allegati tecnici al piano triennale delle opere pubbliche, parte integrante del bilancio.

    Gli studi di fattibilità che giustificano interventi per 1 milione 500mila euro non sono tali, perché carenti dei contenuti minimi previsti dalla normativa vigente. Le relazioni illustrative sono scarse, le relazioni tecniche con i cronoprogrammi non esistono e neanche gli elaborati grafici.

    Mi riferisco ai lavori di “Manutenzione straordinaria di beni demaniali e patrimoniali per € 270.000,00”, ancora ai lavori di “Manutenzione straordinaria di strade per € 495.000,00” ed ai lavori di “Manutenzione straordinaria della rete idrica e fognaria” per € 400.000,00; in tutti i casi manca l’elenco delle strade e dei beni che abbisognano di intervento, il tipo di provvedimento caso per caso, il cronoprogramma dei lavori e gli elaborati grafici!

    Inoltre, stupisce la previsione di spesa per i lavori di “Manutenzione straordinaria della casa comunale da adibire a comando dei Vigili Urbani”. Trattasi di lavori di manutenzione del piano terra della casa comunale, angolo via Roma – via Lucarelli per € 300.000,00. Una cifra enorme non supportata da alcuna giustificazione tecnica . In pratica si pagherebbe circa € 1.500,00 al mq una ristrutturazione che costerebbe almeno la metà.

    Un errore evidente sono anche le approvazioni di due delibere di giunta la 61 del 22/10/2013 e la 76 del 14/11/2013 rispettivamente aventi ad oggetto interventi di efficientamento energetico e di manutenzione straordinaria dell’istituto comprensivo “Aldo Moro”. Una prevede un impegno di spesa pari a € 2.000.000,00 e l’altra  € 38.000,00. Entrambe hanno come voce di spesa predominate la sostituzione degli infissi esterni ed interni. Una evidente sovrapposizione di interventi.

    Ma la cosa che mi stupisce di più, per la quale ho chiesto al segretario comunale di effettuare le dovute verifiche, sono gli incentivi economici previsti per legge al personale tecnico interno all’Ente che a vari titoli partecipa all’opera, sempre al di sopra del 2% previsto dal codice degli appalti. E questo non è consentito dalla legge e soprattutto non è consentito che nel nostro comune gli incentivi superino gli stipendi! Infatti, alla voce del bilancio relativo agli stipendi del personale tecnico si evince una cifra di € 118.000,00 a fronte della voce relativa agli incentivi pari a € 176.000,00.

    A questi motivi di natura tecnica si aggiungono la delusione per le somme stanziate per la  “Manutenzione del verde pubblico” pari a € 20.000,00, quando poi ne servirebbero almeno € 200.000,00; per la “Eliminazione delle barriere architettoniche “, circa  € 10.000,00 , basti pensare ai marciapiedi di via Leonardo da Vinci per capire che questi da soli sono poca cosa; per la “Riqualificazione delle Piazze “ pari a € 30.000,00, ed il mio pensiero va a Piazza Carità ed alla stessa Piazza Umberto I, che abbisognano di una urgente manutenzione .

    Ma la rabbia maggiore mi viene pensando alla scomparsa del progetto preliminare di messa in sicurezza di via Martin Luther King, ovvero il progetto di massima per realizzare un passaggio pedonale e ciclabile sul ponte e la realizzazione di marciapiedi e segnaletica opportuna, nonostante gli ultimi eventi luttuosi e la raccolta di firme degli abitanti che si lamentano della situazione esistente.

    Insomma è un bilancio che di programmazione politica non ha nulla e che di errori tecnici anche fuori norma ne ha tanti”.

     

     

    PUBBLICATO IL: 6 dicembre 2013 ALLE ORE 18:32