Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MADDALONI, Villaggio dei Ragazzi, altro intrigo: licenziati dipendenti dei legionari di Cristo. Ma come venivano pagati?


    La motivazione addotta: crisi economica e impossibilità della fondazione che, ricordiamo, è finanziata con soldi pubblici, di mantenere non meglio precisati impegni assunti con i legionari di Cristo. Ma di quali impegni si tratta?Intanto, anche il commercialista Matrisciano abbandona MADDALONI – Non è che vogliamo necessariamente pescare nel torbido raccontando le vicende del Villaggio dei […]

    La motivazione addotta: crisi economica e impossibilità della fondazione che, ricordiamo, è finanziata con soldi pubblici, di mantenere non meglio precisati impegni assunti con i legionari di Cristo. Ma di quali impegni si tratta?Intanto, anche il commercialista Matrisciano abbandona

    MADDALONI – Non è che vogliamo necessariamente pescare nel torbido raccontando le vicende del Villaggio dei Ragazzi. Ma qui, ogni giorno, ne esce una nuova. Le ultimissime riguardano qualche licenziamento che non il Villaggio dei Ragazzi, ma Regnum Christi, cioè il braccio secolare dei legionari di Cristo, ha fatto negli ultimi giorni di dicembre, attraverso i suoi vertici romani. Licenziamenti riguardanti persone che hanno operato per i legionari, ma non lontane dalla realtà organizzativa della fondazione.

    I licenziamenti sarebbero stati determinati, stando a quello che hanno detto i caporioni della congregazione fondata dal presunto pedofilo Marcial Maciel, dalla crisi economica che avrebbe portato la fondazione Villaggio dei ragazzi a non poter onorare alcuni non meglio precisati impegni con i legionari di Cristo.

    Ma di quali impegni stiamo parlando? Esiste una convenzione, attraverso la quale somme di danaro sono transitate dalla fondazione, creata da don Salvatore d’Angelo e finanziata dal pubblico danaro dalle casse di Regnum Christi e quindi dai legionari?

    Altra vicenda scabrosetta, su cui Casertace non mancherà di indagare ulteriormente. E a questo punto comprendiamo anche perchè il commercialista casertano Matrisciano, più volte ospite nella nostra lunga inchiesta di 10 puntate sul Villaggio dei Rgazzi, se la sia data a gambe non appena il suo mandato di consigliere d’amministrazione e di direttore è scaduto. E si capisce anche perchè l’avvocato casertano Garofalo, interpellato per sostituirlo, ha risposto col celeberrimo gesto di Totò che col dito pollice in mezzo alle altre dita si tocchetta la fronte, prorompendo in un fragoroso “A chi..”

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 14 gennaio 2014 ALLE ORE 19:22