Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MADDALONI – Rapina e violenza contro la famiglia di un gioielliere


      Le vittime hanno riconosciuto, mediante le foto segnaletiche, i malviventi che realizzarono il colpo lo scorso 13 marzo MADDALONI - Hanno sequestrato la famiglia di un gioielliere per rapinare denaro, oggetti d’oro e orologi, e tra di loro vi sono anche due dei rapinatori che a Maddaloni, durante la tentata razzia in una gioielleria, […]

     

    Le vittime hanno riconosciuto, mediante le foto segnaletiche, i malviventi che realizzarono il colpo lo scorso 13 marzo

    MADDALONI - Hanno sequestrato la famiglia di un gioielliere per rapinare denaro, oggetti d’oro e orologi, e tra di loro vi sono anche due dei rapinatori che a Maddaloni, durante la tentata razzia in una gioielleria, parteciparono al conflitto a fuoco nel quale fu ucciso un carabiniere. I carabinieri hanno notificato una misura cautelare emessa dal gip del tribunale di Napoli a Concetta Bocchetti, 38 anni, e Paolo Brucci, 24 anni, e Vincenzo Della Valle, 20 anni, per rapina a mano armata e di sequestro di persona perpetrati in concorso.

    I tre hanno rapinato e sequestrato un gioielliere, la moglie e la figlia il 13 marzo scorso. Un uomo e una donna quel giorno erano entrate nella gioielleria della vittima fingendo di volere una consulenza su un bracciale di oro e diamanti rivelatosi poi finto. Poco dopo il titolare aveva chiuso la gioielleria e si era allontanato insieme alla figlia per tornare a casa; dopo aver citofonato alla moglie, mentre si accingeva a salire le scala di casa, il gioielliere e la figlia erano stati aggrediti da tre persone armate di pistola che li avevano costretti a entrare in casa, sequestrando anche la moglie. La famiglia era stata costretta a sdraiarsi sul pavimento e, con la violenza, costretti a consegnare le chiavi della cassaforte.

    Poi le tre vittime erano state legate e rinchiuse in soggiorno, mentre la banda portava via 13mila euro, un Rolex, 3 Tissot e un Technos d’oro, vari altri oggetti preziosi. I carabinieri avevano concetrato le indagini sugli autori di svariate truffe a gioiellerie delcasertano (9 persone erano state arrestate il 26 marzo), e di rapine consumate nel casertano Le foto dei sospettati sono state mostrate alla famiglia rapinata che ha individuato Bocchetti, Brucci e Della Valle. Questi ultimi sono stati riconosciuti anche in carcere.

    PUBBLICATO IL: 24 maggio 2013 ALLE ORE 15:45