Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MADDALONI – Incidente stradale con l’estorsione, acciuffato in banca 32enne di San Nicola. Coinvolto anche un presunto avvocato casertano


          L’operazione eseguita dagli agenti del commissariato di polizia della città calatina MADDALONI -  Ennesimo successo investigativo portato a segno dagli uomini del vice Questore Dr.ssa Renata Catalano, diretti dal Sostituto Commissario Vito Esposito; a cadere nella rete degli esperti segugi del Commissariato calatino, è stato questa volta un giovane pregiudicato di San […]

     

     

     

    L’operazione eseguita dagli agenti del commissariato di polizia della città calatina

    MADDALONI -  Ennesimo successo investigativo portato a segno dagli uomini del vice Questore Dr.ssa Renata Catalano, diretti dal Sostituto Commissario Vito Esposito; a cadere nella rete degli esperti segugi del Commissariato calatino, è stato questa volta un giovane pregiudicato di San Nicola la Strada, L.F.A. di anni 32; lo stesso alla mercè di un sedicente avvocato casertano, cercava di consegnare ad un ignaro cittadino di Maddaloni, un assegno bancario di euro 2.750,00 quale risarcimento danni a seguito di un sinistro stradale; il particolare che ha insospettito la vittima, M.D., tanto da fargli denunciare il tutto agli uomini dell’investigativa del Commissariato di Maddaloni, è stato il fatto che il L.F.A. gli chiedeva di accompagnarlo in banca per cambiare l’assegno e dietro ad un corrispettivo da elargire al sedicente avvocato di euro 500,00, chiedeva al malcapitato di consegnargli circa 2200,00 euro, minacciando in caso contrario ogni forma di percosse e maltrattamenti nei suoi confronti.

    Nella mattinata odierna, lunedì, pertanto i poliziotti di Maddaloni, hanno deciso di confondersi con i clienti dell’istituto di credito e dopo aver individuato sia il denunciante che il suo aguzzino, hanno deciso di bloccarli rinvenendo sulla persona del L.F.A l’assegno a nome della vittima; pertanto dopo averli condotti presso il locale Commissariato il L.F.A. è stato deferito alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per tentata estorsione ed il malcapitato è ritornato in possesso dell’agognata somma risarcitoria.

    In corso ulteriori indagini onde accertare eventuali complici del L.F.A.

    PUBBLICATO IL: 2 settembre 2013 ALLE ORE 18:53