Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MADDALONI / Due restano in carcere, tre escono: il Gip ha deciso sul blitz dei pusher, alle palazzine di via Feudo


      Stamattina, nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, l’udienza di convalida. Gli indagati difesi dall’avvocato Alessandrelli MADDALONI – Si sono svolti questa mattina, lunedì 7 gennaio,  presso la Casa Circondariale di S. Maria Capua Vetere, gli interrogatori di garanzia degli spacciatori, Gerardo Maio, Antonio Gazzillo,  Federico Santorelli,  Orazio Gagliardi e Nicola Saccavino, tratti in arresto nella notte […]

    Nelle foto, da sinistra Gerardo Maio e Antonio Gazzillo

     

    Stamattina, nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, l’udienza di convalida. Gli indagati difesi dall’avvocato Alessandrelli

    MADDALONI – Si sono svolti questa mattina, lunedì 7 gennaio,  presso la Casa Circondariale di S. Maria Capua Vetere, gli interrogatori di garanzia degli spacciatori, Gerardo Maio, Antonio Gazzillo,  Federico Santorelli,  Orazio Gagliardi e Nicola Saccavino, tratti in arresto nella notte di venerdì, in occasione di un blitz antidroga effettuato dai carabinieri della Compagnia di Maddaloni, nel complesso delle case popolari di via Feudo.

    Saccavino e Santorelli

    A seguito di un servizio di appostamento finalizzato alla repressione del fenomeno dello spaccio di stupefacenti, i militari li avevano acciuffati. A seguito degli interrogatori, e della richiesta del pubblico ministero di applicare a tutti gli indagati la custodia cautelare in carcere, il Gip presso il Tribunale di S.Maria c.v., Parrella, ha disposto la scarcerazione di Gagliardi (collocato agli arresti domiciliari), Santorelli e Gazzillo( a cui e’stato applicato il divieto di dimora nel comune di Caserta), applicando invece la custodia cautelare in carcere per Maio e Saccavino. Gli indagati sono stati difesi dall’avvocato Stefano Alessandrelli.

    PUBBLICATO IL: 7 gennaio 2013 ALLE ORE 15:56