Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Ad

    TUTTE LE FOTO – AGG. ORE 21,50 MADDALONI/ Rapina sanguinosa. UCCISO APPUNTATO dei Carabinieri di S.AGATA. Migliorate le condizioni del MARESCIALLO di MARCIANISE


          I carabinieri hanno fronteggiato i banditi che avevano rapinato la gioielleria Momenti Preziosi della famiglia Merola di via Ponte Carolino. La sparatoria è avvenuta all’interno del negozio. I 4 banditi, due uomini e due donne, erano a bordo di una Fiat Uno bianca. Due, feriti,sono stati catturati, altri due sono riusciti a […]

     

     

    Nella foto la gioielleria presa d’assalto dai 4 banditi che hanno ucciso l’appuntato dei Carabinieri

     

    I carabinieri hanno fronteggiato i banditi che avevano rapinato la gioielleria Momenti Preziosi della famiglia Merola di via Ponte Carolino. La sparatoria è avvenuta all’interno del negozio. I 4 banditi, due uomini e due donne, erano a bordo di una Fiat Uno bianca. Due, feriti,sono stati catturati, altri due sono riusciti a scappare. L’Appuntato ucciso aveva 37 anni, lascia la moglie e un figlio di un anno. Gli investigatori non escludono che i 4 malviventi possano essere collegati alla banda delle “rapinatrici” sgominata un mese fa.

    AGG. 21.50 – E’ avvenuta all’interno della gioielleria la sparatoria con i rapinatori in cui a Maddaloni e’ stato ucciso un carabiniere. Poco prima delle ore 18 nella gioielleria di via Ponte Carolino a Maddaloni entrano un uomo e una donna. Si fingono dei clienti ma in realta’ sono due spietati rapinatori. Pistola in pugno si apprestano a fare razzia di tutti i preziosi ma all’esterno della gioielleria si trovano l’appuntato Tiziano Della Ratta e il maresciallo Domenico Trombetta entrambi in forza al nucleo operativo della compagnia carabinieri di Maddaloni. I due militari tra i piu’ esperti del comando provinciale dei carabinieri di caserta si accorgono che nella gioielleria e’ in atto una rapina.

    I due militari entrano mentre all’esterno in una fiat uno bianca ci sono due complici, tra cui probabilmente un’altra donna. Nella gioielleria si scatena l’inferno: i due criminali aprono il fuoco e colpiscono Della Ratta mentre un cliente viene ferito di striscio da un proiettile. Uno dei due militari apre il fuoco e ferisce i due rapinatori. Sono momenti di grande terrore. I due complici fuggono con la Fiat uno bianca mentre poco dopo in via Ponte Carolino arrivano i colleghi dei due militari. Scatta subito la caccia ai due fuggitivi pericolosi e armati. Ma fino ad ora di loro non si e’ trovata traccia. Alle ricerche collaborano gli agenti della Squadra mobile di Caserta e un elicottero della polizia. Posti blocco, perquisizioni nella case di criminali e camorristi

    Nelle fot

     

    AGG. 21.31 – Esattamente un mese fa i carabinieri del comando provinciale di Caserta avevano arrestato nove persone tra le quali sei donne specializzate in rapine a gioiellerie. Per questo motivo fu definita la banda delle rapinatrici, che ha seminato terrore nel casertano. La banda delle donne e’ accusata di avere commesso almeno tre rapine in gioiellerie non solo del casertano ma anche del napoletano. Ricco il bottino: un milione di euro circa. Gli investigatori non escludono che i 4 malviventi, tra i quali almeno una donna ferita e arrestata, che oggi sono entrati in azione in una gioielleria di Maddaloni possano essere collegati alla banda dei nove arrestati un mese fa. Erano proprio le donne le artefici principali dei colpi: prima delle rapine entravano nelle gioiellerie, studiavano l’ambiente e poi uscivano. Successivamente entravano in azione e razziavano soldi e preziosi.

    AGG. 21.26 - La salma del carabiniere e’ stata portata all’obitorio dell’ospedale civile di Caserta. Il maresciallo Domenico Trombetta, ferito nel conflitto a fuoco, si trova ricoverato nell’ospedale civile di Caserta. Le sue condizioni non sarebbero gravi.

     

    AGG. 20.46Ho appreso con profonda tristezza la notizia della tragica scomparsa dell’Appuntato dei Carabinieri Tiziano Della Ratta e del ferimento del Maresciallo capo Domenico Trombetta nel corso di un conflitto a fuoco a seguito di una rapina a una gioielleria a Maddaloni. In questa dolorosa circostanza desidero esprimere all’Arma dei Carabinieri sentimenti di solidarieta’ di vicinanza e di apprezzamento per il costante prezioso impegno a tutela della sicurezza dei cittadini”. Cosi’ il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. Leonardo Gallitelli. “La prego di rendersi interprete presso la moglie e i famigliari della vittima – conclude il Capo dello Stato – delle espressioni della mia commossa partecipazione al loro cordoglio e dei migliori auguri di pronta guarigione per il militare ferito”

    AGG. 20.21Il vicecapo vicario della Polizia Alessandro Marangoni, in una telefonata, ha espresso al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Leonardo Gallitelli e a tutti gli appartenenti del Corpo, con preghiera di estenderli ai familiari della vittima, i sentimenti di cordoglio e di vicinanza, personale, del Dipartimento della Pubblica Sicurezza e della Polizia di Stato per la morte dell’Appuntato rimasto ucciso durante un conflitto a fuoco questo pomeriggio a Maddaloni. Al maresciallo, rimasto ferito, gli auguri di pronta guarigione

    AGG. 19.58 – Il Maresciallo dei Carabinieri ferito si chiama Domenico Trombetta.

    AGG. 19.38 - Si chiama Tiziano Della Ratta, 37 anni, ed e’ di Sant’Agata dei Goti, in provincia di Benevento, il carabiniere ucciso durante un conflitto a fuoco con alcuni rapinatori. Lavorava presso il Nucleo operativo della compagnia dei carabinieri di Maddaloni: era stato chiamato perche’ era arrivata una segnalazione di una rapina in corso alla gioielleria “Ogm Momenti Preziosi” di via Ponte Carolino. Nei primi anni di servizio aveva svolto il suo lavoro a Roma, poi era sceso in provincia di Caserta per stare piu’ vicino alla famiglia ed era stato assegnato alla stazione carabinieri di San Felice a Cancello. Da poco era stato trasferito in maniera definitiva al Nucleo operativo di Maddaloni. Era in borghese quando e’ intervenuto per fermare la rapina ed e’ stato colpito a morte, all’interno della gioielleria.

     

    Un altro carabiniere, di Marcianise, e’ rimasto ferito in modo grave. Mentre, in queste ore, e’ sottoposto ad operazione chirurgica all’ospedale di Caserta uno dei due rapinatori fermati dalle forze dell’ordine. Della Ratta lascia moglie e un bambino di otto mesi, nato ad agosto del 2012. Da poco aveva deciso di costruire la sua nuova casa a Sant’Agata dei Goti, paese della provincia di Benevento sul confine con la provincia di Caserta, e di trasferirsi nell’appartamento con tutta la famiglia

     

    AGG. 19.20 - Secondo quanto si e’ appreso, i rapinatori della gioielleria di Maddaloni, erano quattro, due uomini e due donne. Feriti e arrestati sono un uomo, le cui condizioni sono giudicate gravi e una donna che invece avrebbe riportato ferite piu’ lievi.

    Nella foto in alto a sinistra Tiziano Della Ratta, l’appuntato ucciso dai rapinatori

     

    AGG. 19.07 – Ricapitolando, verso le 17 e 30, 4 banditi hanno rapinato la gioielleria Momenti Preziosi in via Ponte Carolino. Quando sono usciti hanno incrociato una Gazzella dei Carabinieri ed è nato un conflitto a fuoco in cui un militare, un appuntato, ha perso la vita, lasciando  moglie e un figlio, un’altro, un Maresciallo,è molto grave.

    Nel conflitto a fuoco sono rimasti  4 persone: due banditi, uno dei quali è ricoverato nell’ospedale di Caserta, l’altro nel nosocomio di Maddaloni, un Maresciallo e  una passante, una ragazza, colpita  di striscio. Altri due banditi sarebbero scappati a bordo di una Fiat Uno bianca e sono attivamente ricercati.

    Nella foto l’elicottero che sta sorvolando la provincia per ricercare i 2 banditi

    AGG. 18.57 - Subito dopo la tragica sparatoria, in cui e’ stato ucciso un carabiniere mentre un altro militare e una ragazza sono rimasti feriti, e’ iniziata la caccia ai due banditi riusciti a fuggire. I malviventi sono scappati a bordo della Fiat Uno bianca con la quale avevano compiuto il raid in gioielleria. A Maddaloni sono arrivate altre pattuglie di carabinieri anche dal Comando provinciale. Il colonnello Giancarlo Scafuri comandante provinciale dei carabinieri di Caserta si e’ recato sul luogo della rapina per seguire le operazioni in prima persona. Un elicottero sta sorvolando tutto il casertano per cercare di avvistare dall’alto la Fiat Uno dei malviventi

    AGG. 18.39 – Le condizioni della ragazza ferita nel conflitto a fuoco tra 4 banditi e una pattuglia di carabinieri intervenuta non sono gravi. La giovane  che si e’ trovata nel bel mezzo della sparatoria ed e’ stata colpita di striscio. All’ospedale di Maddaloni si trova uno dei due banditi feriti l’altro e’ stato portato all’ospedale civile di Caserta. Entrambi sono ricoverati in stato di piantonamento

    AGG. 18.27  - A perdere la vita è stato un Appuntato, mentre il Carabiniere gravemente ferito è un Maresciallo. Al momento all’ospedale civile di Caserta si trovano tre feriti di cui 2 molto gravi. Uno di loro è un Carabiniere che è entrato in sala operatoria con diverse ferite. I 4 banditi erano a bordo di una Fiat Uno bianca. I due feriti sono stati catturati, mentre gli altri due sono riusciti a scappare.

    AGG. 18, 20 – E’ iniziato la gigantesca caccia all’uomo. Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza hanno praticamente cinto d’assedio la provincia di Caserta con centinaia posti di blocchi. Naturalmente sono controllatissimi i varchi che conducono verso le zone del napoletano. Decine di elicotteri sorvolono Caserta e Maddaloni

    AGG 18,07  - La gioielleria rapinata dai banditi si chiama momenti Preziosi, di cui è titolare Ovidio Merola. Il fatto è avvenuto in via Ponte Carolino, luogo in cui si trova uno dei tre negozi dello stesso Merola (la seconda gioielleria è in via Napoli, poi c’è un Compro oro nella zona dei giardinetti nei pressi del bar Del Monaco)

     

    Nella foto la zona dove è stato ucciso l’appuntato dei Carabinieri

     

    AGG 17,58  - Nel conflitto a fuoco è stato colpito anche un secondo Carabiniere. Le sue condizioni sono gravi.

    MADDALONI –  Rapina finita in tragedia. Un gruppo di delinquenti ha assaltato la gioielleria di zona Mulini. Durante la fuga i malviventi si sono imbattuti in una gazzella dei Carabinieri. Alla vista dei Militari i rapinatori hanno iniziato a sparare. Inevitabile per gli agenti rispondere al fuoco. Nella sparatoria è stato ucciso un militare dell’Arma ed è stata ferita una ragazza, probabilmente una passante.

    PUBBLICATO IL: 27 aprile 2013 ALLE ORE 17:42