Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    TUTTE LE FOTO E I NOMI, IL VIDEO / CAMORRA e false assicurazioni a CASERTA: 17 arresti e 45 indagati


    Nel capoluogo il centro decisionale e di comando e in un call center di Castel Volturno venivano vendute le polizze assicurative false. L’operazione,da parte degli uomini della compagnia di Sessa Aurunca e coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere. Oltre 2000 contrassegni delle più importanti società assicurative sequestrati. Avevano anche un call center con […]

    Nel capoluogo il centro decisionale e di comando e in un call center di Castel Volturno venivano vendute le polizze assicurative false. L’operazione,da parte degli uomini della compagnia di Sessa Aurunca e coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere. Oltre 2000 contrassegni delle più importanti società assicurative sequestrati. Avevano anche un call center con un  numero verde. IL COMUNICATO STAMPA DELLA PROCURA

    CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO STAMPA DELLA PROCURA

    Agg. 12.32 Gli indagati a cui, allo stato, sono state applicate le misure cautelari  sono:

    1)BRUNO Vincenzo, nato a nato a Caserta (CE) il 20/06/1969 ed ivi res. alla via Fratelli Bandiera 26, di fatto domiciliato in via Assunta n. 59 –custodia  in carcere;

    2)MARTONE Alfonso, nato a Toronto (Canada) il 22/11/1961 e res. a Caserta (CE) via Tevere  n. 08 –custodia in carcere;

    3)TARALLO Ottavio,  nato a Napoli (NA) il 10/06/1960 e res. a Caserta (CE) via Acquaviva n. 181 bis –custodia in carcere;

    4)RINALDI Giuseppe, nato ad Acerra (NA) il 20/09/1966 ed ivi residente alla via Armando Diaz n. 47-custodia in carcere;

    5)MARINIELLO Vincenzo, nato ad Acerra (NA) il 18/02/1973 ed ivi residente al Corso Resistenza 62- custodia in carcere;

    6) CATENA Dionigi, nato ad Aversa (CE) il 06/09/1989 e res. a Villa Literno (CE) alla via Aversa n. 133/A-custodia in carcere;

    7)FRANZOSO Stefano, nato a Orta di Atella (CE) il 22/10/1955 ed ivi residente alla via Giotto n. 14 –custodia in carcere;

    8)NAPOLANO Giuseppe, nato a Giugliano in Campania (NA) il 03/01/1963 ed ivi residente alla via B. Croce n. 03-custodia in carcere;

    9) IULIANO Diletta, nata a Napoli (NA) il 01/01/1962 e domiciliata in Castel Volturno (CE) fraz. Pinetamare parco Delle Rose fabb. 04 -arresti domiciliari; 

    10)DI TELLA Nicola nato a Casaluce (CE) il 04/03/1971, ivi residente alla via  Maiello n.4- arresti domiciliari

    11)GOLINO Eugenio nato Maddaloni (CE)  il 26/09/1985 residente a Caserta (CE) via Volturno n. 25 – arresti domiciliari;

    12)CATALANO Francesco  nato a Trentola Ducenta (CE) il 15/12/1971, ivi residente alla via Romaniello n. 27 – arresti domiciliari;

    13)DEL PRETE Gaetano, nato a Napoli  (NA) il 20/08/1980 e res. a Giugliano in Campania-arresti domiciliari;

    14)SPORTIELLO Luigi, nato a Giugliano in Campania (NA) il 15/06/1965 ed ivi residente alla via Santa Chiara n. 28 -arresti domiciliari;

    15)ULLO Nicola nato a Campobasso (CB) il 12/12/1975, residente ad Angri (SA) alla via Gioacchino D’ Anna n. 56- arresti domiciliari;

    16)D’AVINO Maurizio nato a Somma Vesuviana (NA) IL 02/01/1974, residente a Benevento alla via Antonio De Rienzo n. 04-arresti domiciliari;

    17)CESARANO Jessica nata a Gragnano (NA) il 02/02/1991, residente a Casola di Napoli alla via Monticelli n. 19 – arresti domiciliari;

    Agg. 12.26 –  Le false polizze Rca a breve termine (cinque giorni) venivano vendute prevalentemente in Campania, Puglia e basso Lazio, attraverso il call center di Castel Volturno, a prezzi estremamente vantaggiosi (40 euro a fronte dei 60-80 solitamente richiesti dalle compagnie). I tagliandi riportavano i loghi di importanti societa’ assicurative, come ”Milano Assicurazioni”, ”Vittoria” e ”Sai”. L’organizzatore della truffa si comportava come un vero e proprio broker: metteva insieme domanda e offerta, attraverso il numero verde del call-center, e anche via web. Poi si occupava della distribuzione avvalendosi di agenti e agenzie compiacenti.

    Tra le persone coinvolte figurano anche due esperti di internet che si occupavano della realizzazione e della manutenzione dei siti web. Ottanta, complessivamente, i militari dell’Arma che hanno preso parte all’operazione ”cinque giorni”, coordinati dal capitano Antonio Ciervo, comandante della compagnia dei Carabinieri di Sessa Aurunca. Gli investigatori stimano che, a fronte dei duemila tagliandi sequestrati, ne siano stati venduti almeno altrettanti, esponendo i contraenti a elevati rischi visto che la copertura assicurativa era del tutto inesistente.

    PRIMO LANCIO

    E’ stata eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Sessa Aurunca un’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che vede coinvolti 45 indagati di cui 17 destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere poiché resisi responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. L’indagine ha consentito di accertare l’esistenza di una associazione criminale dedita alla commercializzazione su vasta scala di polizze assicurative RCA. Oltre 2000 i contrassegni perfettamente riprodotti recanti i loghi delle più importanti società nazionali ed estere del settore, sequestrati dai carabinieri. L’organizzazione si avvaleva anche di un call-center, collegato ad un numero verde, per la stipula di contratti on-line.

    Tra i destinatari del provvedimento anche due elementi contigui al clan “Mariniello”, operante in Acerra, ed uno al “clan dei Casalesi”. 

     

    Nelle foto, da sinistra, altri tagliandi assicurativi sequestrati e i carabinieri durante il sequestro

     

     

    PUBBLICATO IL: 23 gennaio 2013 ALLE ORE 16:25