Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AGG. 12.52 TUTTI I NOMI, LE SCOMMESSE DEI CASALESI, Blitz della Finanza nelle sale gioco di CASERTA e provincia, raffica di sequestri


      QUI SOTTO L’ELENCO COMPLETO DEGLI ESERCIZI CONTROLLATI L’attività di indagine coordinata dalla Dda di Napoli ha permesso di scoprire un giro di affari di oltre 10 milioni di euro. I clan erano riusciti a creare rete parallela e illecita per scommettere su eventi anche di grande prestigio CLICCA QUI PER LEGGERE L’ELENCO COMPLETO DELLE […]

     

    QUI SOTTO L’ELENCO COMPLETO DEGLI ESERCIZI CONTROLLATI L’attività di indagine coordinata dalla Dda di Napoli ha permesso di scoprire un giro di affari di oltre 10 milioni di euro. I clan erano riusciti a creare rete parallela e illecita per scommettere su eventi anche di grande prestigio

    CLICCA QUI PER LEGGERE L’ELENCO COMPLETO DELLE ATTIVITA’ CONTROLLATE DALLA FINANZA

     

    CASERTA - Mattinata impegnativa per oltre 300 uomini della Guardia di Finanza di Caserta e dei reparti speciali del Sico e del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche, i quali hanno eseguito una serie di perquisizioni e anche dei sequestri presso numerose agenzie di scommesse della Campania, del Piemonte, del Lazio, della Puglia e della Calabria.

    L’attività di indagine coordinata dalla Direzione Distretturale Antimafia è stata caratterizzata da un’intensa azione volta al contrasto delle scommesse per competizioni sportive effettuate mediante la rete telematica sotto il controllo del clan dei Casalesi.

    Si tratterebbe, come l’hanno definita gli inquirenti, di una vera e propria rete parallela di scommesse gestita direttamente dai clan, pertanto illecita. Tra gli eventi sportivi che hanno attratto ingenti somme investite nel gioco, anche la “Confederation Cup”.

    I Casalesi, a quanto si apprende dal comunicato stampa ufficiale della Dda di Napoli, erano in grado anche di pagare ingenti somme di denaro ai vincitori e il giro d’affari dell’ultimo biennio avrebbe toccato la ragguardevole cifra dei 10 milioni di euro.

     

    QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO STAMPA DELLA DDA

     

     

    PUBBLICATO IL: 1 luglio 2013 ALLE ORE 12:30