Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    L’ANGOLO DEI BALNEARI – Estate 2013, per il Sib è stata la stagione del “mare pulito”


    In una nota stampa del Sindacato Italiano Balneari si riflette e si analizzano i dati e i risultati del periodo di vacanze appena trascorso Il tempo bello ha accompagnato questo mese di Agosto, e ha fatto parzialmente recuperare quanto perso nei mesi precedenti da Maggio fino alla fine di Luglio, mesi in cui  si sono […]

    Nella foto, Marcello Giocondo

    In una nota stampa del Sindacato Italiano Balneari si riflette e si analizzano i dati e i risultati del periodo di vacanze appena trascorso

    Il tempo bello ha accompagnato questo mese di Agosto, e ha fatto parzialmente recuperare quanto perso nei mesi precedenti da Maggio fino alla fine di Luglio, mesi in cui  si sono verificate delle grosse perdite a causa del cattivo tempo. Le notizie di un calo delle presenze sulle spiagge campane arriva da più parti, registrando percentuali in negativo dal 30% fino a punte del 50% in alcune aree; stabilimenti attrezzatissimi che con grandi sacrifici andando controcorrente hanno continuato ad investire per dare più servizi ai cittadini, offrendo inoltre “pacchetti mare” vantaggiosissimi a prezzi veramente stracciati; servizi di qualità, accoglienza, utilizzo delle attrezzature, tutto a prezzi competitivi su tutto il territorio locale e  nazionale, ma tutto questo è servito a ben poco!! Purtroppo la crisi nazionale legata strettamente ad una crisi locale fa sì che settori come questo, la cui domanda non è necessaria siano i primi a cadere sotto l’inevitabile scelta delle famiglie a provvedere prima alle incombenze necessarie e poi al divertimento, alle vacanze, all’uscita fuori porta. Molto affollate le spiagge libere, dove non si paga nulla, dove non si hanno tanti servizi, ma che resta la meta delle famiglie che non possono permettersi lo stabilimento balneare, né utilizzare il ristorante, o il bar; il costo per un Lido, per quanto contenuto in alcuni casi diventa proibitivo, anche se parliamo di prezzi bloccati dal 2008 e che se dovessimo adeguare allo scellerato criterio dei canoni demaniali marittimi, oggi li dovremmo aumentare del 300%, per cui solo l’ombrellone dovrebbe costare oggi 12 euro, un lettino 18 euro, ed una giornata al mare che oggi costa 15 euro con ombrellone e due lettini dovrebbe costare 45 euro! E’ il chiaro esempio di una politica turistica – ricreativa destinata alle famiglie, scellerata, ingiustificata, non equa, non produttiva, inutile.

    Ma la novità assoluta quest’anno è senza dubbio il “mare pulito”, che è ritornato ad essere il mare di una volta; acque cristalline che sono state accolte con sorpresa da tutti i turisti e cittadini casertani che finalmente hanno potuto utilizzare il proprio mare; i proprietari di seconde case hanno trascorso le vacanze qui, ritornando dopo anni di assenza; le famiglie dei paesi circostanti il Litorale Domizio hanno raggiunto la nostra costa e hanno potuto verificare che effettivamente le condizioni dell’acqua sono migliorate notevolmente; molte famiglie abituate a raggiungere il “basso Lazio” hanno preferito stare nella loro provincia, non solo economizzando i costi di spostamento, ma godere del nostro litorale, che non ha nulla da invidiare al resto. Allo stato attuale, quindi , possiamo dire che è bastato poco per rivedere sulle nostre spiagge nuovamente chi si era allontanato a causa delle acque inquinate degli ultimi anni; abbiamo constatato inoltre, come ci sia un rapporto indiscutibile che è dato da una equazione quasi matematica per cui “ più vengono denunciati e arrestati chi inquina, tanto più il mare è pulito”; vorremmo, e questo lo chiedo in particolare alla stampa, e cioè a chi deve con la propria professionalità trasferire all’opinione pubblica non solo le notizie ma anche la verità, di comunicare allo stesso modo in cui, a caratteri cubitali, si scriveva nel lontano 2009 in cui quotidianamente si parlava di vermi a mare, di mare nero, di disastro ambientale, di trasferire oggi ai cittadini, alle famiglie, a tutti che il mare è pulitissimo, cristallino, che si è popolato di branchi di piccoli pesci; che l’intera costa Casertana si riflette finalmente nel Suo mare, dando la possibilità a tutti non solo di utilizzare il proprio mare, ma che fa intravedere grandi occasioni di sviluppo, di recupero dell’immagine, di riscatto e soprattutto di lavoro, tanto lavoro per tutti ma soprattutto per tutti i nostri giovani.

                                                                                                      SIB – Sindacato Italiano Balneari Campania

                                                                                                                               Il Presidente

                                                                                                                            Marcello Giocondo

    PUBBLICATO IL: 23 agosto 2013 ALLE ORE 9:34