Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Lager di animali. Venivano sterminati: denunciato imprenditore


    GUARDA L’IMPRESSIONANTE GALLERIA FOTOGRAFICA – Operazione dei carabinieri di Piedimonte Matese, che hanno fatto irruzione nell’impianto, ubicato nei pressi di Gioia Sannitica.  PIEDIMONTE MATESE – Nel corso di un blitz condotto dagli uomini della stazione dei carabinieri di Piedimonte Matese, in una azienda agricola di Gioia Sannitica è stata accertata la presenza di circa settanta […]

    Gli animali trovati tra le carcasse e i resti di altri animali morti nel lager

    GUARDA L’IMPRESSIONANTE GALLERIA FOTOGRAFICA – Operazione dei carabinieri di Piedimonte Matese, che hanno fatto irruzione nell’impianto, ubicato nei pressi di Gioia Sannitica. 

    PIEDIMONTE MATESE – Nel corso di un blitz condotto dagli uomini della stazione dei carabinieri di Piedimonte Matese, in una azienda agricola di Gioia Sannitica è stata accertata la presenza di circa settanta animali, tra bovini, ovini,  equini e anche alcuni cani di diverse razze, costretti a vivere alle intemperie, tra i propri escrementi ed in assenza di cibo e acqua.

    I poveri animali erano in parte legati con cortissime catene ed in parte lasciati circolare allo stato brado senza alcuna guida, causando anche gravi danni alle culture di terreni privati e aree pubbliche delle zone circostanti.

    Ma la scoperta più raccapricciante è stata il rinvenimento di alcune carcasse di animali in avanzato stato di decomposizione, alcuni morti per denutrizione altri per le temperature rigide di questi giorni. Un vero e proprio “lager” di animali, che i Carabinieri hanno proceduto a porre sotto sequestro per motivi igienico sanitari, mentre il proprietario E.R., 45enne del luogo, è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria, per i reati di omessa custodia, malgoverno e maltrattamento di animali, nonché introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui o sul suolo pubblico.

    Sul posto i Carabinieri hanno anche richiesto l’intervento dell’ unità operativa veterinaria dell’ Azienda Sanitaria locale, che provvederà alle ulteriori incombenze di competenza e a verificare tra l’ altro l’ eventuale diffusione di malattie infettive degli animali. Le indagini comunque non sono concluse, in quanto dai primi accertamenti i militari hanno anche accertato che il proprietario, per la sua azienda aveva fatto richiesta e avuto accesso ai fondi europei previsti dalle normative vigenti.

    [nggallery id=6]

    PUBBLICATO IL: 24 gennaio 2013 ALLE ORE 12:26