Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    La Procura chiede 4 anni di reclusione per l’ex capo della Mobile di Napoli


    Vittorio Pisani è accusato di favoreggiamento personale e abuso in atti d’ufficio CASERTA – Favoreggiamento personale e abuso in atti d’ufficio. Per queste due accuse la Procura di Napoli ha chiesto quattro anni di reclusione e cinque anni di interdizione dai pubblici uffici per Vittorio Pisani, ex capo della Squadra Mobile. A decidere sarà la […]

    Vittorio Pisani è accusato di favoreggiamento personale e abuso in atti d’ufficio

    CASERTA – Favoreggiamento personale e abuso in atti d’ufficio. Per queste due accuse la Procura di Napoli ha chiesto quattro anni di reclusione e cinque anni di interdizione dai pubblici uffici per Vittorio Pisani, ex capo della Squadra Mobile.

    A decidere sarà la settima sezione penale, collegio C, del Tribunale di Napoli. Secondo l’accusa, il funzionario della polizia informò l’imprenditore Marco Iorio, anche lui sotto processo, di due esposti anonimi giunti in Questura, secondo i quali il poliziotto aveva acquistato una casa nel quartiere Vomero con denaro in parte fornito dall’imprenditore, aveva dato all’amico suggerimenti per trasferire soldi in Svizzera.

    L’indagine da cui è scaturito il processo prese le mosse dal ‘pentimento’ di uno dei confidenti dell’ex capo della Mobile, il boss Salvatore Lo Russo. E fu la Direzione investigativa antimafia a scoprire un giro di usura e riciclaggio del denaro dei clan in ristoranti, pub e bar concentrati sul lungomare di Napoli ma anche a Caserta, Genova e Roma.

    Accuse mosse nei confronti dell’imprenditore Marco Iorio, per il quale la Procura di ha chiesto 13 anni di reclusione; e a Bruno Potenza, figlio di Mario, usuraio e contrabbandiere, legato al clan Mazzarella, defunto durante le indagini, per il quale sono stai chiesti 18 anni di carcere. I Potenza avevano soldi da investire grazie alla loro attività di usura per i quali sono sotto processo in un’altra sezione del tribunale. Durante l’inchiesta, in una intercapedine di una parete dell’abitazione di Mario Potenza furono trovati diversi milioni di euro.

    PUBBLICATO IL: 1 ottobre 2013 ALLE ORE 15:51