Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LA DOMENICA ESCLUSIVA / Clamoroso: l’Asl dà quasi 90mila euro al consorzio di Casal di Principe che gestisce per 4milioni il centro di riabilitazione


    Torna a far parlare di sé la struttura di via Collecini a Caserta, la cui gestione è stata affidata all’azienda di Zippo, con una controversissima delibera dello scorso 31 luglio. Caserta – Raffaele Crisci e Franco Balivo hanno appena ricevuto un avviso di garanzia a seguito dell’intervento della DIA negli uffici dell’ASL . I due […]

    Il centro di riabilitazione di via Collecini

    Torna a far parlare di sé la struttura di via Collecini a Caserta, la cui gestione è stata affidata all’azienda di Zippo, con una controversissima delibera dello scorso 31 luglio.

    Caserta – Raffaele Crisci e Franco Balivo hanno appena ricevuto un avviso di garanzia a seguito dell’intervento della DIA negli uffici dell’ASL . I due mandarini sono accusati di abuso in atti d’ufficio, in merito alla gestione del settore Finanze dell’Asl di Caserta, con mandati di pagamenti liquidati senza la necessaria documentazione presentata dalle società e ditte.
    E questo non è niente se andiamo a vedere come è stata gestita la vicenda della RSA di Via Collecini, unica struttura pubblica della regione Campania per l’assistenza ai portatori di handicap gravi. Il 31 luglio con Delibera n. 1058 viene aggiudicato l’affidamento del Servizio di gestione della Residenza Sanitaria Assistita e del Centro Diurno per Disabili di Caserta al Consorzio SINERGIA con sede legale a Capua ma di chiare origini di Casal di Principe per un importo presunto di euro  3.935.250,00. E fin qui, esclusa la “presunzione” dell’importo, nulla quaestio, senonchè a soli circa due mesi dall’affidamento, l’architetto Domenico Zippo di Villa di Briano, con relazione autografa e per conto della Società vincitrice, relazione che la camera ardente è adiacente alla cucina; che l’apertura per l’accesso ha un gradino che è largo 20 cm per cui non è accessibile a barelle o carrozzelle; che per raggiungere la camera ardente bisogna percorrere un corridoio con sviluppo a gomito che non permette il passaggio delle barelle; etc. etc.. Morale della favola, l’ASL con l’altro mandarino Giuseppe Gasparin, con Delibera n. 1489 del 13 novembre, affida i lavori di ripristino della RSA allo stesso Consorzio Sinergia per un importo totale di 85.000,00 Euro.

    Su questo affidamento avemmo, a suo tempo, molte cose da dire. L’azienda, seppur abilitata a diventare titolare di questo appalto è stata dentro a tantissime vicende controverse, relative alla gestione dei miliardi dei servizi sociali negli ambiti di Casal di Principe e di Lusciano.
    Amici di Balivo, che ricordiamo è diventato un potente proprio quando era capo dell’amministrazione dell’allora Usl di Casal di Principe.
    Ma al di là di questo, come è possibile assegnare un affidamento e, poi, dopo tre mesi, sovvenzionare la vincitrice con più di ottanta mila euro. Ma siamo sicuri che eventuali altri partecipanti, sapendo della disponibilità dell’Asl a scucire altri quattrini per gli adeguamenti dei locali, non avrebbero fatto un’offerta migliore di quella presentata dall’azienda di Casal di Principe.
    Questa Asl di Caserta non finisce mai di stupire.
    g.g.

    PUBBLICATO IL: 16 dicembre 2012 ALLE ORE 20:10