Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    La domenica di Casertace / Mondragone – 15mila euro per le manifestazioni di Natale. Ecco il punto di rottura tra la giunta Schiappa e i centristi di Zannini


      Il sindaco decide, con la giunta di aderire al bando della Camera di Commercio per promuovere la città nel periodo delle festività natalizie. L’opposizione rilancia: sarebbe stato meglio concedere 300 euro a 50 famiglie indigenti Mondragone - A quanto pare, nemmeno il Natale riuscirà a conciliare i rapporti politici tra la giunta Schiappa e […]

    Nella foto, il sindaco Schiappa con i rappresentanti della
    giunta comunale di Mondragone

     

    Il sindaco decide, con la giunta di aderire al bando della Camera di Commercio per promuovere la città nel periodo delle festività natalizie. L’opposizione rilancia: sarebbe stato meglio concedere 300 euro a 50 famiglie indigenti

    Mondragone - A quanto pare, nemmeno il Natale riuscirà a conciliare i rapporti politici tra la giunta Schiappa e l’opposizione consiliare, almeno quella rappresentata dai centristi.

    L’esecutivo comunale, rappresentato dal sindaco Giovanni Schiappa e dagli assessori, Valerio Bertolino, Francesco Nazzaro, Francesca Gravano, Federico Pellegrino e Claudio Petrella, hanno approvato, con la delibera 121, lo scorso 19 novembre, il programma degli eventi natalizi, organizzati grazie al lavoro svolto dagli assessori Francesco Nazzaro e Claudio Petrella e all’adesione al bando della Camera di Commercio di Caserta da parte del Comune.

    Quest’anno dovrebbero essere coinvolte in tali  iniziative natalizie, oltre alla Pro Loco e alla neo associazione Commercianti di Viale Margherita, anche le associzioni no-profit del territorio e le organizzazioni aderenti al settore commercio, artigianato e agricoltura di Mondragone.

    Due sono gli eventi in programma che avranno una certa risonanza territoriale e non solo: le domeniche natalizie del 9 e del 16 dicembre, con chiusura al traffico di viale Margherita e il “villaggio natalizio” in piazza Giovanni Falcone dal 21 al 23 dicembre.

    Al di là degli stand, degli spettacoli e delle iniziative previste nella delibera che pubblichiamo in calce al nostro articolo, mediante un documento pdf, la questione morale, pardon, il punto di rottura tra i due rampolli della politica mondragonese, Giovanni Zannini e Giovanni Schiappa sono quei 15mila euro messi a disposizione in delibera per l’eventuale copertura degli oneri che sorgeranno nell’organizzazione e per la messa i cantiere dei suddetti eventi.

    La giunta Schiappa ha giustificato tale previsione di spesa, partendo dal presupposto, che per organizzare le manifestazioni del periodo di Natale, secondo quanto prevede il bando della Camera di Commercio, che a sua volta richiede (tanto per cominciare) una copertura di 5000 euro, ovvero del 50% delle spese ammissibili, occorrerebbero almeno 15mila euro.

    Il giovane centrista, Zannini, invece, ha già esplicitato il suo pollice verso all’utilizzo dei 15mila euro contenuti nelle casse comunali, se spesi per le iniziative natalizie programmate dalla giunta Schiappa. Per il referente di Proposta Democratica sarebbe stato meglio elargire a Natale, 300 euro a 50 famiglie di Mondragone che vivono in condizioni economiche precarie.

    In calce all’articolo pubblichiamo anche la nota stampa avvocato Zannini.

    Massimiliano Ive

    CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA SUGLI EVENTI NATALIZI A MONDRAGONE

     

    QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DELLA NOTA DI GIOVANNI ZANNINI – PROPOSTA DEMOCRATICA

    Spendere 15000 euro per i festeggiamenti del Natale è un vero e proprio schiaffo alla povertà. Schiappa scambia la funzione di sindaco con quella di presidente di un comitato festeggiamenti. Propongo, a nome del gruppo dei centristi (Udc-Fli-Proposta democratica) che i 15mila euro vengano elargiti, in quote di 300 euro a 50 famiglie di Mondragone che realmente versano in precarie condizioni economiche.

    Così facendo, non solo i soldi rimarranno a Mondragone, ma verranno spesi, sicuramente da 50 capi famiglia, negli esercizi commerciali della nostra cittadina, i quali non hanno certo bisogno di baccanali e altro ancora per poter maggiorare gli incassi. Se le famiglie di Mondragone continueranno a vivere nell’indigenza, in quanto, vuoi per la crisi, vuoi perchè il sindaco pensa esclusivamente ai festini in strada, invece di programmare un nuovo new deal per la riviera,  come faranno a divertirsi e a spendere negli esercizi commerciali?

    Giovanni Zannini

     

    PUBBLICATO IL: 25 novembre 2012 ALLE ORE 9:00