Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    La Cisl attacca lancia in resta la Gisec e Zinzi. Ma dietro a questa storia c’è una guerra tra sindacati, perchè nell’azienda è prevalente la Cgil


    Oggi, martedì, lo sciopero allo Stir di Santa Maria Capua Vetere. Nel mirino del sindacato le presunte esternalizzazioni e i soldi delle indennità. La Gisec: ma quali esternalizzazioni, abbiamo assunto 110 dipendenti del Consorzio   Caserta – La protesta inscenata, stamane, martedì 9 ottobre, dagli operai dello Stir di Santa Maria Capua Vetere, aderenti al sindaco […]

    Nella foto, il Cdr di Santa Maria Capua Vetere

    Oggi, martedì, lo sciopero allo Stir di Santa Maria Capua Vetere. Nel mirino del sindacato le presunte esternalizzazioni e i soldi delle indennità. La Gisec: ma quali esternalizzazioni, abbiamo assunto 110 dipendenti del Consorzio

     

    Caserta – La protesta inscenata, stamane, martedì 9 ottobre, dagli operai dello Stir di Santa Maria Capua Vetere, aderenti al sindaco Fitp-Cisl nei confronti della Gisec, la società che gestisce, per conto della Provincia di Caserta, il ciclo integrato dei rifiuti nell’ambito provinciale, poggia le sue ragioni su due accuse che riguardano, appunto l’esternalizzazione dei servizi della società e il mancato aumento delle indennità, secondo il cosiddetto “Parametro A”, in base all’anzianità degli operai, contrattualizzati in passato con un altro tipo di rapporto lavorativo nel settore metalmeccanico.

    La Gisec ha replicato alle accuse formulate dal sindaco, sostenendo invece, che la società ha assunto circa 110 operai e dipendenti del Consorzio Unico di Bacino Napoli – Caserta, operanti sugli impianti. Inoltre la stessa società nega che siano in atto esternalizzazioni. Sul questione del Parametro A, l’azienda controlla dalla Provincia di Caserta, si richiama direttamente alla legge che regola il contratto nazionale collettivo di lavoro per gli operai Fise Assoambiente, mediante il quale gli addetti ai lavori possono percepire l’indennità accessoria solo dopo aver lavorato per 5 anni con lo stesso contratto di lavoro e di categoria. Quindi per tutti coloro che provengono da un altro tipo di rapporto contrattuale, non può essere garantito alcun aumento sullo stipendio.

    Queste le posizioni in campo. In realtà dietro a questa alzata di scudi della Cisl, ci sarebbe il tentativo del sindacato di acquisire nuovi aderenti, alterando un rapporto di forza, che vede prevalere nettamente, all’interno della Gisec, gli iscritti alla Cgil.

     

    PUBBLICATO IL: 9 ottobre 2012 ALLE ORE 19:02