Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    INCHIESTA ESCLUSIVA / Dopo lo scandalo e il blitz della finanza da Pacifico, altro sconcio nelle librerie: plusvalenze da capogiro, libri usati comprati a 1/4 e venduti al doppio


      L’operazione delle fiamme gialle, che ha scoperchiato un pentolone che per anni ha prodotto guadagni illegali di milioni e milioni di euro, ci permette di affrontare un’altra questione di ordinario ladrocinio Caserta – Lo scandalo dei libri saggio, venduto sotto banco dalle librerie di Caserta e che ha vissuto sabato scorso un momento altamente […]

     

    L’operazione delle fiamme gialle, che ha scoperchiato un pentolone che per anni ha prodotto guadagni illegali di milioni e milioni di euro, ci permette di affrontare un’altra questione di ordinario ladrocinio

    Caserta – Lo scandalo dei libri saggio, venduto sotto banco dalle librerie di Caserta e che ha vissuto sabato scorso un momento altamente significativo con il comunicato stampa della Guardia di Finanza sulle risultanze del blitz all’interno della libreria Pacifico (quasi 15.000 volumi saggio trovati, 3 milioni di euro di multa e raffica di denunce), permette a noi di Casertace, che quell’evento abbiamo annunciato e anticipato, di continuare il nostro viaggio dentro alle nefandezze che si consumano in luoghi in cui, attraverso la vendita dei libri, si dovrebbe trasmettere la cultura, a partire dalla cultura della legalità. Invece succede di tutto. Non solo i libri saggi, ma anche un mercato, un mercimonio poco edificante, anche se non strettamente legale, come quello dei saggio. Partiamo dai libri delle scuole medie. Le librerie casertane li acquistano usati da famiglie, in grave difficoltà, in questo momento, da singoli studenti a un quarto del prezzo di copertina. In poche parole. Un’antologia di brani letterari sta sui 25,00 30,00 euro. La libreria lo acquista a 7,00 – 7,50 euro e lo rivende al 50% del prezzo di copertina. Una vergognosa speculazione, dato che va a creare una plusvalenza pari al 100% del valore di copertina dei libri. E siccome, i libri scolastici non sottoposti a scontrino fiscale, la cosa si traduce in una evidente smaccata evasione. E pensate che i librai dovrebbero essere persone sensibili ai valori. A Caserta, e provincia, sono sensibili solo al valore dei quattrini.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 16 ottobre 2012 ALLE ORE 13:00