Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AGG. 14.15 – Imprenditore sospettato di aver un deposito di vetture di lusso rubate, blitz della Guardia di Finanza: c’era l’auto rubata al calciatore ex Napoli, Rinaudo


      Le Fiamme Gialle di MONDRAGONE durante un controllo su un’antenna installata su di un terreno di Castel Volturno di proprietà di un casalese hanno scoperto un vero e proprio sito di stoccaggio di vetture e veicoli trafugati AGG.14.15 -  C’era anche la Mercedes rubata a Napoli, lo scorso novembre, al difensore del Livorno Leandro Rinaudo […]

     

    Le Fiamme Gialle di MONDRAGONE durante un controllo su un’antenna installata su di un terreno di Castel Volturno di proprietà di un casalese hanno scoperto un vero e proprio sito di stoccaggio di vetture e veicoli trafugati

    AGG.14.15 -  C’era anche la Mercedes rubata a Napoli, lo scorso novembre, al difensore del Livorno Leandro Rinaudo tra i mezzi pesanti di elevato valore commerciale e le numerose auto di lusso rinvenute dai finanzieri della Compagnia di Mondragone in un terreno agricolo di Castel Volturno, in provincia di Caserta. Le vetture e i camion ritrovati erano stati tutti oggetti di furti avvenuti nelle province di Napoli e Salerno. La scoperta delle Fiamme Gialle è avvenuta in seguito a un controllo nei confronti del proprietario di un fondo noleggiato per ospitare un ripetitore di una compagnia di telecomunicazioni e finalizzato a verificare l’effettiva installazione dell’impianto e l’assolvimento dei relativi adempimenti fiscali. I militari, però, una volta sul posto hanno constatato l’installazione delle antenne, ma anche due rimorchi parcheggiati a semicerchio in un angolo del terreno. Nascosti dietro i mezzi pesanti, sono state scoperte due Mercedes, tre autocarri e due macchine operatrici per il movimento terra, risultate rubate nei mesi scorsi. Rinvenuti, inoltre, numerosi pezzi di mezzi meccanici nonché di auto di lusso, tra cui una Ferrari 360, un quad e due Mercedes. Le indagini, coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, proseguono per risalire agli autori dei reati.

     

    CASTEL VOLTURNO - La Compagnia della Guardia di Finanza di Mondragone ha concluso una brillante operazione di servizio, che ha consentito di rinvenire mezzi pesanti di elevato valore commerciale e numerose autovetture di lusso, oggetto di furti avvenuti nelle province di Napoli e Salerno. La scoperta dei Finanzieri è avvenuta per puro caso, a seguito di un ordinario controllo nei confronti di un soggetto di Casal di Principe, proprietario a Castel Volturno di un terreno agricolo noleggiato per ospitare un ripetitore di una nota compagnia di telecomunicazioni, finalizzato a verificare l’effettiva installazione dell’impianto e l’assolvimento dei relativi adempimenti fiscali.

    I militari, allorquando sono giunti sul posto, hanno effettivamente constatato l’avvenuta installazione delle antenne, ma si sono insospettiti dalla presenza, in un angolo del terreno, di due rimorchi parcheggiati a semicerchio, quasi a voler creare uno spazio riservato per nascondere qualche cosa alla vista di chi si trovasse a transitare in zona per caso.

    Il proprietario del terreno, alla specifica richiesta della pattuglia operante, non è stato in grado di giustificare il motivo della presenza dei mezzi sul posto, in quanto, a suo dire, quella parte di terreno era stata concessa in locazione e, quindi, non era più nella sua materiale disponibilità.

    Pertanto, i militari hanno deciso i effettuare un controllo più approfondito e, nascosti tra i due semirimorchi, hanno ritrovato due autovetture Mercedes, 3 autocarri e due macchine operatrici per il movimento terra, i cui successivi accertamenti hanno rivelato che i mezzi erano stati oggetto di furto nelle settimane precedenti.

    Nascosti all’interno dei semirimorchi, inoltre, i Finanzieri hanno rinvenuto numerosi pezzi di macchine operatrici per il movimento terra, nonché di autovetture di lusso, tra cui una Ferrari 360, un quad e due Mercedes, una delle quali di proprietà di un noto calciatore.

    I proprietari sono stati tutti contattati in modo da poter recuperare la disponibilità dei beni. Le indagini, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, proseguono per risalire agli autori dei reati.

     

    PUBBLICATO IL: 30 dicembre 2013 ALLE ORE 11:44