Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    IL VIDEO / CASERTA – Altro che interdittiva, la Publiservizi pensi a ripitturare i numeri degli stalli. E a non far ridere come ha fatto con il passo carrabile di via Patturelli


    Ormai comporre la cifra del parchimetro è diventato un’autentica lotteria. In via patturelli in pratica il comune fa una infrazione contro se stesso Caserta – Forse ancora scossi dalla doccia gelata dell’interdittiva antimafia, notificata dalla prefettur di Napoli ,quelli della Publiservizi, nonostante il contributo personale del sottoscritto, che versa centinaia e centinaia di euro all’anno […]

    Uno dei tanti numeri (!?) all’interno di uno stallo-parcheggio della Publiservizi

    Ormai comporre la cifra del parchimetro è diventato un’autentica lotteria. In via patturelli in pratica il comune fa una infrazione contro se stesso

    Caserta – Forse ancora scossi dalla doccia gelata dell’interdittiva antimafia, notificata dalla prefettur di Napoli ,quelli della Publiservizi, nonostante il contributo personale del sottoscritto, che versa centinaia e centinaia di euro all’anno in multe per infrazioni commesse, sforando gli orari delle piazzole di sosta a pagamento, accusa diverse battute a vuoto nella gestione di queste aree.

    La maggior parte dei numeri sono ormai illegibili e gli automobilisti casertani sono costretti, molto spesso, a buttarsi letteralmente ad indovinare davanti ai parchimetri. E può anche capitare, sta capitando, che degli automobilisti, confondendo il numero affittano uno stallo che magari si trova in un altro punto della città. Sarebbe dunque utile che la signora Elena Natale, motla solerte nel dare le pagelle agli organi di informazione che hanno dato la notizia dell’interdittiva, si armasse di secchiello e pennello, per andare a ripristinare le condizioni di visibilità di numeri che contrassegnano i diversi stalli.

    E poi fatti comici come quello capitato a via Patturelli, dove uno stallo a pagamento coincide pedissequamente con lo spazio di ingresso regolarmente esposto con il contrassegno rilasciato dal Comune di Caserta che, in quei due metri quadrati, autorizza in pratica il suo concessionario a commettere una infrazione rispetto a un passo carrabile autorizzato. Dunque il comune di Caserta fa un infrazione contro sé stesso. Surreale!

    g.g.

     

    PUBBLICATO IL: 24 dicembre 2012 ALLE ORE 9:52