Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    IL SANTO STEFANO DI CASERTACE / Il Natale dei Bersaglieri di Caserta in Afganistan, continua la lotta agli ordigni improvvisati dei ribelli


      I militari della Garibaldi insieme agli specialisti del Genio hanno disinnescato numerose bombe e controllato alcuni nascondigli CASERTA - Feste natalizie trascorse in servizio per i militari italiani in Afghanistan, che nel corso di due operazioni condotte con l’esercito afghano, hanno ritrovato e distrutto numerosi ordigni nella provincia di Farah, dove opera la Task […]

    Nella foto, i Bersaglieri casertani in Afganistan

     

    I militari della Garibaldi insieme agli specialisti del Genio hanno disinnescato numerose bombe e controllato alcuni nascondigli

    CASERTA - Feste natalizie trascorse in servizio per i militari italiani in Afghanistan, che nel corso di due operazioni condotte con l’esercito afghano, hanno ritrovato e distrutto numerosi ordigni nella provincia di Farah, dove opera la Task Force South su base 9/o reggimento Alpini. Nella mattina di Natale – mentre era in corso la visita del Sottosegretario alla Difesa Gianluigi Magri alla base operativa avanzata ‘Tobruk’ di Bala Baluk – una pattuglia composta da militari italiani, afghani e statunitensi ha fatto brillare una bomba rudimentale ritrovata lungo una strada a pochi chilometri dalla base.

    La posizione dell’ordigno, del peso di circa 25 chili, era stata individuata la notte prima dal sistema di videosorveglianza della base, che aveva avvistato quattro individui intenti a piazzarlo. Immediata la reazione dei mortai della 108/a compagnia del 9/o Alpini, che hanno sparato diversi colpi per illuminare la zona e allontanare gli insorti, sventando la minaccia. Sempre nel distretto di Bala Baluk i genieri del 32/o reggimento della ‘Taurinense’ hanno distrutto 80 sub-munizioni, due bombe da mortaio da 82mm, 11 spolette e una bomba illuminante da 155mm. Gli ordigni erano stati ritrovati in un nascondiglio nel corso di un’operazione condotta da un plotone dell’8 reggimento bersaglieri di Caserta, insieme agli specialisti del genio e a forze della seconda brigata dell’esercito afghano. ”La lotta agli ordigni improvvisati – sottolineano al comando di Herat – rappresenta una delle priorita’ per le forze di sicurezza afghane che operano con il sostegno del contingente italiano, che e’ anche impegnato attivamente nella formazione dei team di artificieri dell’esercito di Kabul, nel quadro del processo di transizione della sicurezza alle autorita’ afghane”

    PUBBLICATO IL: 26 dicembre 2012 ALLE ORE 10:51