Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Il programma “Oggi le comiche” del Pd va in onda ancora in commissione regionale. INVIATO IL RICORSO DEI SOSTENITORI DI VITALE


          IL TESTO INTEGRALE a firma di Vincenzo Correra sull’incredibile deliberato della commissione provinciale, la quale, ieri sera, con i soli voti degli uomini di Picierno, Caputo e Marino, ha deciso che il congresso si deve fare mercoledì 6 novembre fino alle 20 e la prima assemblea degli eletti di quel congresso alle […]

    Vitale e Roseto

     

     

     

    IL TESTO INTEGRALE a firma di Vincenzo Correra sull’incredibile deliberato della commissione provinciale, la quale, ieri sera, con i soli voti degli uomini di Picierno, Caputo e Marino, ha deciso che il congresso si deve fare mercoledì 6 novembre fino alle 20 e la prima assemblea degli eletti di quel congresso alle 22.

    Aspettiamo altre risate per la giornata di domani

     

    Il sottoscritto Vincenzo Correra, nella qualità di presentatore della Lista “Naturalmente…Vitale”,  rappresenta ed evidenzia che la Decisione della Commissione Provinciale di Caserta (qui allegata) nella parte in cui fissa al 6 novembre le assemblee di Circolo, adottata in data  25 ottobre 2013 con la presenza  di soli 5 componenti su 12, si pone:
    in aperta contraddizione con quanto stabilito dalla Commissione Regionale nella Delibera n.6 e, in particolare, prevarica la disposizione che fissa l’Assemblea provinciale di Caserta per mercoledì 6 novembre. Tale previsione infatti rende il procedimento congressuale irrealizzabile e soprattutto impedirà di porre in essere gli adempimenti successivi alle votazioni nelle assemblee dio circolo: spoglio, rilevazione dei risultati, consegna dei verbali alla Commissione Provinciale del Congresso, conteggio complessivo dei voti, ripartizione dei delegati con contestuale riequilibrio, proclamazione dei delegati, convocazione degli stessi (oltre 300) risoluzione di eventuali contenziosi, etc. etc. Pensare che si possano svolgere tali adempimenti nel breve lasso di tempo fissato nella richiamata paradossale decisione determina la oggettiva impossibilità di procedere alla celebrazione dell’Assemblea Provinciale. Ciò anche in considerazione del fatto che molti circoli votanti distano dalla sede provinciale di Caserta anche 70 chilometri con tempi di percorrenza che sfiorano l’ora.
    in contrasto con il principio espresso nell’art. 6 del Regolamento regionale per l’elezione di Segretari e assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli per il quale a tutela degli iscritti del PD “la convocazione dell’assemblea di circolo deve contenere … il giorno e l’ora di inizio della riunione il programma dei lavori, e l’orario di inizio e fine delle votazioni, per una durata tale da favorire la più ampia partecipazione degli iscritti …”. La disposizione approvata dalla Commissione Provinciale per il Congresso si pone in spregio assoluto del diritto soggettivo alla partecipazione al voto di ciascun iscritto, contraendo senza alcun motivo i tempi necessari all’esercizio regolare di tale diritto.
    Si evidenzia inoltre che dal verbale della Commissione qui trasmesso emergono due decisioni in aperto contrasto tra di loro, entrambe assunte con un quorum limitato: la prima che fissa la data delle Assemblee al 6 novembre, la seconda che approva il crono programma stabilito dalla Commissione Regionale nella seduta del 25 ottobre u.s.
    E’ opinione dello scrivente che si renda necessario l’intervento risolutorio della Commissione Regionale per il Congresso la quale, in linea con quanto stabilito nel verbale n. 6, fissi la data delle Assemblee di Circolo nel rispetto del primario diritto di partecipazione degli iscritti alle procedure del Congresso Provinciale, nonché della salvaguardia dell’effettivo e  corretto espletamento delle procedure per la definizione della platea dell’Assemblea Provinciale, già fissata per il giorno 6 novembre.

    PUBBLICATO IL: 26 ottobre 2013 ALLE ORE 18:35