Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE- IL VIDEO DI CAMPANIA FELIX TV – Flop “mediatico”di Schiappa. Palazzo Ducale chiuso ai giornalisti dalla sovrintendenza con un “no” a foto e a riprese video


    Il video di CAMPANIA FELIX TV (canale 613 oppure 693 del digitale terrestre). Intervista all’onorevole Mario Landolfi, al cons. Giuseppe PDL Piazza, all’ architetto Michele Miraglia(ex assesore all’urbanistica), all’ avv. Giovanni Zannini (coalizione di centro). Il video tv è visibile su facebook al gruppo Campania felix tv https://www.facebook.com/groups/483202731759702/?fref=ts e su youtube. A breve, il servizio sarà in […]

    Il video di CAMPANIA FELIX TV (canale 613 oppure 693 del digitale terrestre). Intervista all’onorevole Mario Landolfi, al cons. Giuseppe PDL Piazza, all’ architetto Michele Miraglia(ex assesore all’urbanistica), all’ avv. Giovanni Zannini (coalizione di centro). Il video tv è visibile su facebook al gruppo Campania felix tv https://www.facebook.com/groups/483202731759702/?fref=ts e su youtube. A breve, il servizio sarà in onda su CAMPANIA FELIX TV al canale 613 oppure 694 del digitale terrestre. Il servizio parte dopo la pubblicità al minuto 01:00

     

     

    da sinistra, il Palazzo Ducale, l’on. Mario Landolfi, il cons. PDL Giuseppe Piazza, l’ex assessore all’urbanistica e archietetto Michele Miraglia, l’avv. Giovanni Zannini della coalizione di centro

     

    La sovrintendenza dice di “no” alle riprese all’interno del Palazzo Ducale da parte dei giornalisti. Il Sindaco Schiappa non ha comunicato il diniego, posto dalla sovrintendenza , ai giornalisti con regolare conferenza-stampa o con comunicati ufficiali. L’amministrazione non chiede deroghe speciali per la serata di Calici di Stelle, ignorando il fondamentale lavoro di diffusione dei Media a favore del turismo

     

    MONDRAGONE-  Quello che è successo ieri sera a “Calici di Stelle“, umilia e mortifica chi, come me e tanti altri cronisti, si avvicinano al mondo del giornalismo con passione e amore. Vedere le porte del Palazzo Ducale ( riaperto al pubblico dopo tanti anni grazie all’impegno dell’onorevole Mario Landolfi a cui vanno molti meriti, questo va sottolineato), sbattute  in faccia ” a chi quella sera rappresenta i Mass-Media e vuole fare informazione sana, è a dir poco impressionante.Il Palazzo era vuoto: non c’erano affreschi, non c’erano quadri, non c’era alcun abbellimento dal valore storico-artistico che avrebbe potuto essere danneggiato dalle telecamere di CAMPANIA FELIX TV(canale 613 oppure 694 del digitale) o dalle macchinette fotografiche.

    Cosa avremmo rovinato? La pittura, l’intonaco, i sacchi di cemento ammassati negli angoli?

    Siamo di fronte ad un cantiere ancora aperto, non si può accedere“- hanno detto coloro i quali rappresentavano l’istituzione che vietava l’accesso. Se è un  cantiere ancora rudimentale, non apritelo nemmeno alla gente. Che senso ha renderlo accessibile e non fotografarlo? Non è un museo, non è una biblioteca, non è una pinacoteca. Ieri, il Palazzo Ducale era un fabbricato fatiscente, una casa abbandonata in via di restauro, un bene pubblico che poteva e doveva essere fotografato e ripreso. Massima trasparenza, sempre. Se il nostro amato edificio storico non viene documentato dai giornalisti, resta un bene che solo noi mondragonesi possiamo apprezzare. Il turismo si fonda sulla diffusione mediatica anche in altri paesi, una prerogativa questa solo ed esclusivamente degli organi di stampa.

    E il Sindaco Schiappa dorme ancora, troppo preso dalla gite a Roma per zio Silvio. Non fa niente per opporsi alla decisione della sovrintendenza, non organizza conferenze-stampa di presentazione (ciò testimonia l’assenza di un vero e valido assessorato alla cultura e al turismo) per spiegare ai giornalisti che quella sera di “Calici di Stelle” non si poteva filmare, non fa comunicati nè chiede deroghe speciali alla sovrintendenza stessa a favore della stampa affinchè venisse ripreso l’interno dello stabile-simbolo della nostra amata Mondragone.

    Una domanda nasce spontanea: ma abbiamo un’amministrazione a Mondragone, o siamo nel regime di anarchia, senza leggi, nè regole, nè disciplina, nè forma, nè rispetto per il lavoro dei media?

    In giro stanno circolando, centinaia di video-amatoriali e foto fatte ieri sera al Palazzo Ducale, girati e scattate da persone che si uniscono alla nostra protesta. Nel servizio tv di Campania felix( visibile nel link postato all’inizio di codesto articolo), l‘onorevole Mario Landolfi, il cons. Pdl Giuseppe Piazza, l’archiettetto Michele Miraglia (ex assesore al’urbanistica mondragonese) e l’avvocato Giovanni Zannini (coalizione di centro) hanno espresso la loro opinione in merito al “no” alle riprese.

    Landolfi: “Ci sono ragioni di sicurezza, è ancora un cantiere. Non so perchè non è stato specificato attraverso comunicati alla stampa. Mi occupo dei fondi per il restauro del Palazzo. Filmati e foto si possono trovare e si possono pubblicare”.     Piazza :”L’egida è della sovrintendenza, però certamente con più attenzione si poteva richiedere una possibilità di fare delle riprese per pubblicità alla nostra città”.     Miraglia:”È una scelta della sovrintendenza ma andava comunicata. Un evento così importante doveva essere un exploit per Mondragone, ma non è stato così. Non c’era nemmeno una traccia scritta del percorso turistico. L’amministrazione doveva battersi per una deroga per le riprese della stampa, non ci sono opere da nascondere”.    Zannini:“Non so se la sovrintendenza ha vietato o se la Proloco l’abbia chiesta. La Proloco è un comitato festeggiamenti quasi familiare. Più che un’amministrazione mi sembra un comitato festeggiamenti, “come organizzano loro le feste non le organizza nessuno”. Peccato che loro devono amministrare e non fare solo feste. 

    La delusione è tanta. Per noi giornalisti, è stato un “Amaro Calice di stelle”.

     

    Walter De Rosa

    PUBBLICATO IL: 11 agosto 2013 ALLE ORE 17:47