Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    IL CASO / MONDRAGONE – Gli alberi del piazzale di via Doria tagliati e abbattuti. Giallo sull’esecuzione sommaria: qui saranno installate le bancarelle


    Dopo l’abbattimento del manufatto abusivo, continua il tormentone sull’area a ridosso dei lidi e della villetta comunale.  TUTTE LE FOTO Mondragone - Il piazzale ricavato dall’abbattimento del manufatto di via Doria, torna all’auge della cronaca locale per un misterioso episodio accaduto stamane, venerdì 6 ottobre. Un uomo di cui conosciamo nome e cognome, ma omettiamo […]

    Nelle foto, gli alberi “uccisi” del piazzale di Via Doria

    Dopo l’abbattimento del manufatto abusivo, continua il tormentone sull’area a ridosso dei lidi e della villetta comunale.  TUTTE LE FOTO

    Mondragone - Il piazzale ricavato dall’abbattimento del manufatto di via Doria, torna all’auge della cronaca locale per un misterioso episodio accaduto stamane, venerdì 6 ottobre.

    Un uomo di cui conosciamo nome e cognome, ma omettiamo di citarlo nel nostro articolo, ha letteralmente tagliato gli alberi che coloravono di verde l’area ubicata di fronte ai lidi della riviera di Mondragone.

    Motivo? Boh! Una cosa è certa. Su questa area l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Schiappa, ha deciso di realizzare una sorta di mercatino con tanto di bancarelle per la vendita di prodotti alimentari e non.

    Ora non sappiamo se gli alberi recisi, anzi  “uccisi”, sono stati rimossi perchè sussiste un’ordinanza del sindaco, oppure, stamane il verde pubblico di Mondragone è stato vittima di un gesto folle di un mitomane.

    Nell’osservare le foto che ci sono state inviate da Mondragone, sul taglio degli arbusti in via Doria,  mi sono venuti in mente i momenti vissuti come “Sentinella dei Variconi” e amico di Alessandro Gatto del WWF, a Castel Volturno, quando gli uomini della Forestale declamavano il motto: “un albero per ogni bambino“.

    Oggi possiamo scrivere che a Mondragone il rapporto di un albero per ogni bambino non può sussistere nei pensieri di chi ha ordinato o deciso il taglio.

    Se questa azione è maturata nei pensieri dell’esecutore materiale del taglio degli alberi, allora ci chiediamo: ma dove sono gli organi deputati al controllo del verde pubblico e dove si nascondono gli ambientalisti di Mondragone.

    Se invece, la decisione è stata presa dalla giunta Schiappa, per fare spazio alle bancarelle, allora abbiamo compreso che il decesso di una serie di alberi, non solo ha annullato la possibilità per un bambino di respirare ossigeno naturale per un giorno, ma delinea inequivocabilmente la volontà di creare spazio a dispetto del verde pubblico.  Speriamo nei prossimi giorni di non dover scrivere “Taglia un albero, per una bancarella”.

    Massimiliano Ive

     

     

    PUBBLICATO IL: 6 ottobre 2012 ALLE ORE 11:55