Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Per la morte dopo l’aborto di Maria Ammirati, chiesto il giudizio dei due medici dell’Ospedale Civile di Caserta


    Per gli altri 23 indagati, il Pm, ha chiesto l’archiviazione. Due di questi sono difesi dall’avvocato Raffaele Gaetano Crisileo. Ma gli avvocati della famiglia della 35 ennne di Marcianise si sono opposti ed andranno in Camera di Consiglio. Agg. 10.20 - Il prossimo 27 giugno è in programma l’udienza preliminare a carico del ginecologo Nicola Pagano ed Anna Tamburro di […]

    Nella foto il 6×3 di Maria Ammirati che campeggia a Caserta in pieno centro

    Per gli altri 23 indagati, il Pm, ha chiesto l’archiviazione. Due di questi sono difesi dall’avvocato Raffaele Gaetano Crisileo. Ma gli avvocati della famiglia della 35 ennne di Marcianise si sono opposti ed andranno in Camera di Consiglio.

    Agg. 10.20 - Il prossimo 27 giugno è in programma l’udienza preliminare a carico del ginecologo Nicola Pagano ed Anna Tamburro di Caserta mentre il pm ha proposto l’archiviazione per gli altri 23 indagate, tra cui i medici Patrizia Tidona di Capua e Vittoria Colucci di Santa Maria a Vico, ambedue specialiste in rianimazione ed in servizio presso il nosocomio casertano, difese dall’avvoccato Raffaele Gaetano Crisileo.

    Tutte le persone indagate provengono dagli ospedali di Marcianise dove la Ammirati era stata curata in un primo tempo e di Caserta dove fu portata successivamente.

     

    CASERTA – Un 6×3 campeggia in pieno centro con la foto di Maria Ammirati, la ragazza 35enne morta a giugno dell’anno scorso, corredata dalla scritta “E’ un anno che aspetta giustizia”.

    Maria era incinta. Perse il bambino e nel suo girovagare tra diversi nosocomi perse lei stessa la vita, segnando per sempre con il dolore l’esistenza della sua famiglia.

    Dopo la denuncia del compagno e della mamma di Maria, tesa a chiedere chiaramente sul decesso della giovane casertana, la Procura ha deciso di aprire un’inchiesta che ha coinvolto infermieri e medici degli ospedali ci Marcianise e Caserta. Trascorso un anno, adesso, i cari della giovane prematuramente scomparsa chiedono giustizia.

    Per la morte della ragazza hanno ricevuto l’avviso di garanzia Pasquale Parisi, 49 anni di Caserta, Vittoria Colucci, 49 anni di Napoli, Maria Grazia Di Domenico, 52 anni di Caiazzo, Maria Maddalena Tomato, 50 anni di Alvignano, Angela Gogliettino, 48 anni di Caserta, Francesca Rovereto, 44 anni di Caserta e Patrizia Di Dona, 48 anni di Capua. Si tratta di medici che lavorano all’ospedale di Caserta. La scorsa settimana sono stati già  notificati gli avvisi a Maria Golino di Capodrise, Nicola Pagano di Napoli, Luigi Vitale di San Marco Evangelista, Anna Calcara di Marcianise, Maria Rosaria Zampella di Carinaro, Maria Bucciero di Capodrise, Sergio Izzo di Montesarchio, Anna Tamburo di Caserta, Carmen De Falco di Roccarainola, Andrea Fusco di Caserta, Silvio Buonincontro di Acerra, Gaetano Romano di Ottaviano, Sergio Sgueglia di Napoli, Marco Antonio Del Canto di Frignano, Andrea Imparato di Caserta, Angelina Merola di Curti, Armando Natale di Parete e Vittorio Oriani di Napoli.

     

    PUBBLICATO IL: 20 maggio 2013 ALLE ORE 10:20