Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    GIALLO A CANCELLO ED ARNONE, scompare un server con dati sensibili: l’amministrazione denuncia lo smarrimento. Carabinieri della Procura in municipio


      Si tratta di due episodi distinti. Per quanto riguardo la smarrimento del macchinario stanno indagando i militari della locale stazione CANCELLO ED ARNONE – Il municipio, per definizione, è la casa del popolo. E’ il luogo dove opera l’amministrazione (maggioranza e minoranza) eletta. E’ il tempio, aperto a tutti i cittadini, stendardo della sacralità […]

     

    Si tratta di due episodi distinti. Per quanto riguardo la smarrimento del macchinario stanno indagando i militari della locale stazione

    CANCELLO ED ARNONE – Il municipio, per definizione, è la casa del popolo. E’ il luogo dove opera l’amministrazione (maggioranza e minoranza) eletta. E’ il tempio, aperto a tutti i cittadini, stendardo della sacralità politica, democratica,.

    A volte però anche in posti del genere si possono verificare episodi sconvenienti  che costringono chi gestisce la struttura a prendere provvedimenti.

    A Cancello ed Arnone un ced (un macchinario informatico utilizzato per conservare backup dati) è stato smarrito. L’amministrazione accortasi dell’assenza dell’apparecchiatura  ha presentato una denuncia alla locale stazione dei carabinieri.

    Lo smarrimento si è registrato dopo l’operazione di messa in sicurezza informatica dello stabile.

    A quanto pare il ced scomparso non ha  dati esclusivi: il suo contenuto, infatti, è conservato anche sul server principale (quindi non sono stati persi)  ma la denuncia  è stata necessaria  perché si tratta comunque  di informazioni sensibili (come i dati anagrafici)

    Dopo l’esposto, logicamente, i militari dell’Arma, che stanno indagando sul caso, si sono recati in comune per effettuare dei controlli.

    Circa dieci giorni fa c’è stata però un’altra visita dei carabinieri, questa volta della Procura, in municipio. Sul perché di questa seconda visita vige logicamente il segreto istruttorio, ma probabilmente si tratta di controlli finalizzati all’accertamento di incongruenze  documentali.

    Giuseppe Tallino

    PUBBLICATO IL: 21 gennaio 2014 ALLE ORE 17:03