Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Facevano fare ai medici la vita da nababbi perchè prescrivessero le loro medicine: blitz nelle farmacie, 67 indagati


    In azione da stamane, mercoledì, 300 carabinieri in 15 regioni d’Italia. Coinvolti anche medici di strutture ospedaliere Caserta - Regali in denaro, viaggi a medici che lavorano in strutture pubbliche e private per incrementare la vendita di determinati farmaci. E’ quanto emerge da una indagine dei Nas dei carabinieri  in quindici regioni e che sta […]

    In azione da stamane, mercoledì, 300 carabinieri in 15 regioni d’Italia. Coinvolti anche medici di strutture ospedaliere

    Caserta - Regali in denaro, viaggi a medici che lavorano in strutture pubbliche e private per incrementare la vendita di determinati farmaci. E’ quanto emerge da una indagine dei Nas dei carabinieri  in quindici regioni e che sta passando al setaccio l’attività di una rete responsabili ed informatori scientifici di una nota azienda farmaceutica, che per incrementare le vendite di alcune tipologie di farmaci, dava o comunque prometteva somme di danaro, viaggi di piacere all’estero, oggetti di valore ed altro a medici chirurghi di strutture ospedaliere pubbliche e private del territorio nazionale, giustificandole con falsa documentazione che attestava la dazione di danaro per attività di consulenza o di studio, di contributi a congressi o seminari e/o come viaggi per partecipazioni a meeting internazionali.

    Da stamane, circa 300 carabinieri del Nas e di numerosi Comandi Provinciali (Ancona, Ascoli Piceno, Bari, Brescia, Cagliari, Caserta, Chieti, Ferrara, Firenze, Frosinone, Genova, Lucca, Mantova, Messina, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Pavia, Perugia, Pescara, Roma, Terni, Torino, Trento, Trieste, Verona e Viterbo), stanno eseguendo 77 perquisizione a carico di 67 indagati. I reati per cui si procede vanno dall’associazione a delinquere, alla corruzione, all’istigazione, alla corruzione, alla truffa in danno del Servizio Sanitario Nazionale, dal falso al comparaggio. Gli informatori scientifici, infatti, sollecitavano i medici indagati (specialisti in nefrologia, endocrinologia e pediatria) ad aumentare le prescrizioni di alcuni farmaci, con l’inserimento in terapia di nuovi pazienti, promettendo danaro o altri beni materiali. In alcune circostanze, i medici non esitavano ad aumentare le somme pretese talché alti dirigenti dell’industria farmaceutica incontravano personalmente i medici. Le perquisizioni odierne sono finalizzate a verificare se le prescrizioni dei farmaci siano state appropriate in relazione alle patologie dei pazienti curati e in special modo per i pazienti pediatrici, infatti, è emerso che proprio i piccoli pazienti erano al centro degli accordi corruttivi con prescrizione di dosaggi ben al di sopra delle indicazioni terapeutiche.

    PUBBLICATO IL: 17 ottobre 2012 ALLE ORE 13:27