Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Evade dai domiciliari: 46enne arrestato dai Carabinieri


    Si tratta di Luigi Gallifuoco di Piedimonte Matese. L’uomo, ora, si trova in stato di arresto presso le camere di sicurezza dell’Arma, in attesa di comparire nei prossimi giorni davanti ai Giudici del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per il processo per direttissima ALIFE – A ventiquattro ore dall’arresto di quattro persone per spaccio di […]

    Nella foto Luigi Gallifuoco

    Si tratta di Luigi Gallifuoco di Piedimonte Matese. L’uomo, ora, si trova in stato di arresto presso le camere di sicurezza dell’Arma, in attesa di comparire nei prossimi giorni davanti ai Giudici del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per il processo per direttissima

    ALIFE – A ventiquattro ore dall’arresto di quattro persone per spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese hanno eseguito un nuovo arresto, questa volta si tratta di una persona evasa dai “domiciliari” che stava scontando ad Alife.

    A finire in manette Luigi Gallifuoco, 46enne di Piedimonte Matese, che è stato sorpreso proprio dai militari della Stazione di Alife mentre circolava liberamente a piedi nel centro abitato invece di trovarsi all’interno della sua abitazione.

    L’uomo si trovava ai domiciliari da alcuni mesi con l’accusa di estorsione aggravata e continuata, in quanto attraverso minacce di morte e aggressioni fisiche, con percosse di ogni tipo, costringeva gli anziani genitori residenti a Piedimonte Matese, a consegnargli quasi giornalmente somme di denaro che variavano dai cinquanta ai cento euro. In una circostanza aveva minacciato addirittura di incendiare l’auto dei due pensionati, mentre in un’altra occasione avrebbe minacciato di farli uccidere da alcuni suoi amici camorristi. Continui erano anche i danneggiamenti di suppellettili all’interno dell’abitazione dei genitori, tra l’altro entrambi affetti da gravi patologie, se non gli fosse stato consegnato immediatamente il denaro.

    Ora il Gallifuoco si trova in stato di arresto presso le camere di sicurezza dell’Arma, in attesa di comparire nei prossimi giorni davanti ai Giudici del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per il processo per direttissima.

    PUBBLICATO IL: 17 luglio 2013 ALLE ORE 20:26