Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVISSIMA / Tutti i nomi. Clamoroso consorzio in mutande ma Farina Briamonte aumenta il livello a 15 dipendenti. Prime della lista Flagiello e Francesca Stellato.


        Altre parole a commento è inutile usarle. Ci limitiamo a far parlare i fatti e a constatare la desolante vicenda nel silenzio assoluto della politica e delle istituzioni.   Caserta – Utilizzare altre parole a corredo di notizie come questa, rincorrendo l’elegia dell’indignazione, significa solo perdere tempo. Fin quando questa nazione, questo stato […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Gaetano farina Briamonte e i sacchetti di rifiuti lasciati a terra in Corso Giannone nell’ultima manifestazione dei dipendenti del consorzio.

     

    Altre parole a commento è inutile usarle. Ci limitiamo a far parlare i fatti e a constatare la desolante vicenda nel silenzio assoluto della politica e delle istituzioni.

     

    Caserta – Utilizzare altre parole a corredo di notizie come questa, rincorrendo l’elegia dell’indignazione, significa solo perdere tempo. Fin quando questa nazione, questo stato consentirà che sedicenti professionisti, agendo in nome e per conto della nazione stessa, facciano strage del pubblico danaro, senza dar conto seriamente a nessuno, non ricorrerà alcuna possibilità di essere annoverati tra i paesi autenticamente stimati all’estero ed effettivi attrattori di investimenti.

    Sul responsabile della liquidazione della ripartizione casertana del consorzio dei rifiuti, Gaetano Farina Briamonte, abbiamo scritto di tutto. Facce di bronzo, con patente tradimento delle funzioni che la legge attribuisce a un liquidatore. Farina Briamonte ha prima speso una barca di denari per costituire una commissione che avrebbe dovuto esaminare i ricorsi per gli arretramenti dei livelli professionali dei dipendenti, poi ne ha sbugiardato il lavoro, sciogliendola di fatto nonostante che al suo interno avesse messo anche il suo congiunto Fiorillo.

    Successivamente, Farina Briamonte, non contento, ha affidato il lavoro di verifica dei livelli professionali dei dipendenti, ad un altro professionista in funzione monocratica, anche lui, naturalmente, remuneratissimo con i quattrini del consorzio: l’avvocato lavorista sammaritano Franco Pigrini. Risultato: nel giorno in cui non si paga la quinta mensilità consecutiva ai dipendenti, nel giorno in cui non c’è un euro in cassa, su dritta di Pigrini, Gaetano Farina Briamonte ha deliberato 15, SI’, avete capito bene, 15 aumenti di livello. 15 privilegiati a fronte di tanti altri a cui il livello non è stato dato. E chi è che capeggia l’elenco dei promossi? No problem, i soliti noti: Francesca Stellato, sorella dell’avvocato Giuseppe Stellato, presunto consigliere provinciale di opposizione. La Stellato passa dal quinto al settimo livello. Qualche settimana fa, “tomo tomo, cacchio cacchio”, Farina Briamonte aveva promosso all’ottavo livello quadro l’ormai mitica signora Flagiello. Promozione stamattina per Giuseppe Falco, dal quinto al sesto livello. Cresce di livello anche Franco Massimo, oggi distaccato in regione. Sempre vicino ai politici. Diventa sesto livello anche Annalisa Golvelli di San Potito Sannitico, zona della signora Del Vecchio, ma anche di Gianluigi Santillo, gia presidente del consorzio rifiuti Ce1, da sempre mastelliano di ferro, oggi chissà.

    Aumenti di livello anche ad Andrea Ciorre, Fausto Sarracino, Antonio Di Fratta, Umberto Buono.

    Che dire: una vergogna.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 18 ottobre 2012 ALLE ORE 16:55