Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVISSIMA MONDRAGONE – Nuovo depuratore, Landolfi garantisce: “Iter avviato e ad agosto la Bandiera Blu sarà realtà”


      Per il vecchio impianto di depurazione il responsabile De Martino rilancia. “Il depuratore funziona, ma sarebbero opportuni interventi di miglioramento”. La vasca Imhoff è guasta, così come il diffusore dell’acqua ripulita nel mare. MONDRAGONE – Afa asfissiante e lidi pieni. La stagione balneare è iniziata e Mondragone, anche quest’anno, non ha ottenuto la “bandiera blu” […]

    Nelle foto, da sinistra, Mario Landolfi, il vecchio depuratore con vasca Imhoff guasta ed Enzo De Martino

     

    Per il vecchio impianto di depurazione il responsabile De Martino rilancia. “Il depuratore funziona, ma sarebbero opportuni interventi di miglioramento”. La vasca Imhoff è guasta, così come il diffusore dell’acqua ripulita nel mare.

    MONDRAGONE – Afa asfissiante e lidi pieni. La stagione balneare è iniziata e Mondragone, anche quest’anno, non ha ottenuto la “bandiera blu” (solo 13 comuni, infatti, sono stati insigniti del riconoscimento in tutta la Campania). La balneabilità è certo garantita, ma non ci si può fregiare di  titoli onorevoli inesistenti. Alcuni amministratori locali, però, continuano a vantare pregi che la città non ha, mettendo in atto una tattica “acchiappa-turisti” ingannevole.

    Questi dicono in giro che c’è l’ambita “bandierina blu”, in modo tale che la notizia si diffonda e i forestieri accorrano in massa. Come se poi gli spiaggianti fossero degli ingenui in quanto, una volta giunti sugli arenili cittadini, non si accorgeranno dell’inganno. Non solo qualche governante dice “bugie“. Ci sono, infatti, alcuni imprenditori che se la prendono con quella parte di stampa “non schierata con il potere”, accusandola, quando mostra disagi e pecche della città, di “fare cattiva pubblicità” a Mondragone proprio in estate ovvero nel periodo in cui l’economia gira un po’ di più.

    Meglio raccontare la verità in inverno, secondo loro, quando ormai i turisti sono andati via ormai. La “patata bollente” della stagione estiva 2013 è, tuttavia, una sola: la costruzione di un nuovo depuratore.

    Nelle foto, il depuratore vecchio

    Sul luogo in cui dovrà nascere, si discute ancora. Molto probabilmente sarà edificato sul lato interno della Domitiana. La società Arcadis (Agenzia regionale campana difesa e suolo) ha avviato  l’ ’iter”  per la gara di affidamento ai fini della realizzazione dell’intervento. L’opera è stata fortemente voluta e favorita dall’ex ministro Mario Landolfi il quale ha dichiarato: “Ho parlato pochi giorni fa con l’assessore Edoardo Cosenza in merito, i lavori sono sempre più vicini. Stiamo aspettando l’ ARCADIS per l’esecuzione della gara. Un nuovo depuratore rappresenta uno strumento fondamentale per la messa in sicurezza e il rilancio del nostro litorale. Sui tempi, non ci si può ancora pronunciare. Posso dire per il momento che ad agosto la “Bandiera Blu”  potrebbe essere realtà“.

    A marzo scorso, circolavano manifesti che assicuravano l’esecuzione del progetto e lo stanziamento dei fondi( circa 20 milioni di euro). Sono passati circa tre mesi e di concreto non si vede ancora niente. Come mai questo ritardo? Dovrà passare un’altra estate ancora? Eppure un nuovo depuratore è una necessità. Quello vecchio, situato presso la zona del Savone, nonostante sia in funzione, dovrebbe essere oggetto di manutenzioni: la vasca Imhoff è guasta, così come il diffusore dell’acqua ripulita nel mare. Il costo attuale per lo smaltimento dei fanghi è troppo elevato. Sulla questione, è intervenuto Enzo De Martino, responsabile del “vecchio” depuratore: “Il depuratore funziona, ma sarebbero opportuni interventi di miglioramento. Giovedì, ci sarà una riunione tra il Comune, la ditta che gestisce il servizio depurazione e il consorzio “Terra di Lavoro”. A breve, ne sapremo di più.

    Walter De Rosa

    PUBBLICATO IL: 18 giugno 2013 ALLE ORE 16:44