Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA S.MARIA C.V. – Il Consorzio che fa i miliardi con l’appalto delle pulizie, prorogato l’11 novembre, è guidato da una signora di 80anni


      Dalle parti del Comune, non sono scaramantici: la proroga delle pulizie dell’Asl ha scatenato, infatti, l’inchiesta che ha portato a 13 arresti.   SANTA MARIA CAPUA VETERE - Evidentemente, il segretario generale del Comune, Assunto de Nisi ed il Sindaco di Muro non credono molto nella scaramanzia, se è vero come è vero che […]

    Nelle foto, da sinitra, de Nisi, di Muro e Grillo

     

    Dalle parti del Comune, non sono scaramantici: la proroga delle pulizie dell’Asl ha scatenato, infatti, l’inchiesta che ha portato a 13 arresti.

     

    SANTA MARIA CAPUA VETERE - Evidentemente, il segretario generale del Comune, Assunto de Nisi ed il Sindaco di Muro non credono molto nella scaramanzia, se è vero come è vero che lo scorso 11 novembre, cioè pochi giorni dopo i 13 arresti nell’Asl e dintorni, hanno rinnovato l’affidamento milionario per la pulizia degli uffici comunali  e degli immobili di proprietà del Comune, tra cui il Tribunale, ad una associazione di imprese, di cui fa parte un consorzio, con sede a Roma in via Sicilia. Il nome non ve lo diciamo ancora. Vi lasciamo con la suspence. Ma una cosa la possiamo già rivelare: a capo di questo soggetto economico, formato da 3 società a responsabilità limitata, c’è un’anziana signora di quasi 80 anni.

    Dicevamo della scaramanzia: con le proroghe degli affidamenti delle pulizie si possono passare dei guai, come ha dimostrato proprio la vicenda Asl, che nasce proprio da una proroga alla New Splash, l’azienda di Angelo Grillo, il quale non è estraneo alla piazza sammaritana. La proroga dell’11 novembre scorso riguarda un affidamento formalizzato per la prima volta nel giugno del 2011, dunque 20 giorni dopo l’avvento del Sindaco di Muro.

    D’altronde, a Santa Maria Capua Vetere, le proroghe dei servizi apportati, sono una tradizione consolidata: in proroga da 3 anni è attribuito il servizio mensa delle scuole della città, in proroga sono i parcheggi. Giusto per dire, il codice degli appalti prevedeva la possibilità di effettuare proroghe solo in casi di eccezionale emergenza. Ma d’altronde, se le somme urgenze, sono diventate tutt’altro che somme, rimanendo urgenze per le tasche di imprenditori specialisti del settore, allora, figuriamoci se una legge può fermare queste cose.

    Fatta la legge, trovato l’inganno.

    Torneremo senz’altro a parlare di questo argomento.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 16 novembre 2013 ALLE ORE 20:12