Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA S. CIPRIANO – Camorra, i fiancheggiatori di Panaro: scarcerato l’impiegato comunale Serao


        La decisione assunta dai giudici della decima sezione del Riesame di Napoli, a seguito dell’istanza presentata dall’avvocato Nando Letizia SAN CIPRIANO D’AVERSA - E’ stato scarcerato pochi minuti fa (sono le 21.05) mentre scriviamo, Raffaele Serao, l’impiegato dell’ufficio anagrafe del comune di San Cipriano d’Aversa, arrestato il 22 ottobre scorso, nell’ambito dell’operazione eseguita […]

     

    Nelle foto, Raffaele Serao e Nicola Panaro

     

    La decisione assunta dai giudici della decima sezione del Riesame di Napoli, a seguito dell’istanza presentata dall’avvocato Nando Letizia

    SAN CIPRIANO D’AVERSA - E’ stato scarcerato pochi minuti fa (sono le 21.05) mentre scriviamo, Raffaele Serao, l’impiegato dell’ufficio anagrafe del comune di San Cipriano d’Aversa, arrestato il 22 ottobre scorso, nell’ambito dell’operazione eseguita dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe e coordinata dalla Dda di Napoli, nella quale furono fermate e acciuffate 14 persone accusate di essere i fiancheggiatori del clan dei Casalesi – fazione di Nicola Panaro.

    La decima sezione del tribunale del Riesame di Napoli, presieduta dal presidente Sessa, ha accolto le tesi dell’avvocato Nando Letizia, quindi predisposto la liberazione dell’impiegato 55enne residente a Castel Volturno, che è stato accusato dai magistrati della direzione distrettuale antimafia  di avere rilasciato  carte d’identità contraffatte, riportanti le foto di Panaro  e della moglie con i dati anagrafici del fratello e della cognata dello stesso impiegato.

    Nella vicenda giudiziaria in questione è coinvolto anche il fratello di Raffaele Serao, Franco.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 6 novembre 2013 ALLE ORE 21:20