Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Esclusiva ore 14.02 / Camorra – Clamoroso al processo d’Appello per l’omicidio di Michele Orsi. Giovanni Letizia ammette la sua colpevolezza


      Lo ha fatto in una lettera scritta ai giudici della Corte. Che sia l’anticamera di un pentimento? Prossima udienza il 18 ottobre Casal di Principe –  Oggi, giovedì 4 ottobre, si è svolta la prima udienza innanzi alla Corte di Assise di Appello di Napoli per giudiocare in secondo grado gli esponenti del gruppo […]

    Nelle foto, da sinistra, Giovanni Letizia e Michele Orsi

     

    Lo ha fatto in una lettera scritta ai giudici della Corte. Che sia l’anticamera di un pentimento? Prossima udienza il 18 ottobre

    Casal di Principe –  Oggi, giovedì 4 ottobre, si è svolta la prima udienza innanzi alla Corte di Assise di Appello di Napoli per giudiocare in secondo grado gli esponenti del gruppo Setola relativamente all’omicidio dell’imprenditore Michele Orsi patron, inseme al fratello Sergio, della famigerata Eco4, la società in cui gli Orsi, pur avendo il 49% delle quote, a fronte del 51% nelle mani del Consorzio Rifiuti Ce4 hanno dettato legge per anni, gestendo miliardi e miliardi.

    Gli imputati sono: Giuseppe Setola, Giovanni Letizia, Alessando Cirillo, Massimo Alfiero (tutti esecutori materiali), Mario Di Purto, nel ruolo di specchiettista, tutti già condannati all’ergastolo in primo grado dalla Corte di Assise sammaritana, presieduta dal presidente Garzo. Il processo processo è stato rinviato al 18 ottobre prossimo, per le conclusioni delle parti. Il collegio difensivo, in questo processo è rappresentato dagli avvocati  Salvatore Lepre, Angelo Raucci, Giovanni Zannini, Paolo Caterino, Gerry Casella

    Colpo di scena nell’udienza di oggi: Giovanni Letizia, uno degli irriducibili del gruppo di Setola, con una missiva recapitata alla Corte, ha rotto il muro di omerta’ e ha ammesso l’addebbito dell’omicidio, nella speranza di evitare l’ergastolo.

    Che fosse l’anticamera di un più strutturale pentimento? Speriamo di sì.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 4 ottobre 2012 ALLE ORE 14:03