Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA / La folle notte della politica di Mondragone: dopo l’happening nella caserma dei carabinieri, alle 3 di notte lo sfasciatutto NapolItano vota mansueto la delibera pro genero di Enzo D’Anna


    Cennami invoca lumi sul presunto interesse privato alla base della proposta di delibera per la modifica della scheda X1 e l’unico ad argomentare tra i consiglieri di maggioranza è il socialista di Massimo Grimaldi.  Mondragone - A che gioco sta giocando Agostino Napolitano, detto Gerardo? E chi è il consigliere comunale, se si tratta veramente […]

    Nelle foto, da sinistra, Agostino Napolitano e la giunta Schiappa

    Cennami invoca lumi sul presunto interesse privato alla base della proposta di delibera per la modifica della scheda X1 e l’unico ad argomentare tra i consiglieri di maggioranza è il socialista di Massimo Grimaldi. 

    Mondragone - A che gioco sta giocando Agostino Napolitano, detto Gerardo? E chi è il consigliere comunale, se si tratta veramente di un consigliere comunale che ha scritto la famosa lettera anonima che platealmente il sindaco Schiappa, scortato dai consiglieri comunali, ha portato nella caserma dei carabinieri? La folle notte della politica mondragonese lascia aperti questi interrogativi. Napolitano ha detto di tutto e di più contro questa amministrazione comunale, salvo poi, con l’ennesimo colpo di teatro, approvare stanotte, sia la delibera che consentirà al futuro genero del parlamentare Enzo D’Anna di trasferire il centro diagnostico, sia tutti quanti i provvedimenti della maggioranza.

    10 voti, ma una condizione politica di estrema precarietà, legata agli umori di Napolitano e alle strategie dei landolfiani.

    Lo show del consigliere del Nuovo Psi nella pubblica Assise ha letteralmente sconcertato i membri dell’opposizione. Alla richiesta del capogruppo del Pd, Achille Cennami di argomentare se la proposta di delibera sulla scheda X1 con le modifiche al Prg per i seminterrati, avesse un interesse collettivo e non privato, dai banchi della maggioranza non vi è stata nessuna controdeduzione alla domanda. L’unico a prendere la parola su tutti gli argomenti posti all’ordine del giorno è stato il consigliere socialista, che ha sostenuto la giunta di centro destra.

    Inoltre, nell’ultima proposta di delibera avanzata, l’indice di agibilità e di abitabilità dei seminterrati sarebbe passata a circa 3 metri di profondità, rispetto ai 2,80 metri. Risulta strano questo repentino aumento di centimetri per l’aumento degli indici di abitabilità dei seminterrati.

    M.I.

     

     

     

     

    PUBBLICATO IL: 8 novembre 2012 ALLE ORE 10:50