Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA CASTEL VOLTURNO – Fu sparato dal vicino di casa Antonio Rocco. E morto il 45enne Schioppi


      L’episodio criminali si verificò in via Tafuri a Baia Verde CASTEL VOLTURNO – E’ morto presso l’ospedale Cardarelli di Napoli, stamane, martedì il 45enne Giancarlo Schioppi, sparato un mese fa in via Tafuri a Baia Verde di Castel Volturno dal vicino di casa Antonio Rocco. Per una banale lite tramutatasi in tragedia, l’uomo fu […]

     

    L’episodio criminali si verificò in via Tafuri a Baia Verde

    CASTEL VOLTURNO – E’ morto presso l’ospedale Cardarelli di Napoli, stamane, martedì il 45enne Giancarlo Schioppi, sparato un mese fa in via Tafuri a Baia Verde di Castel Volturno dal vicino di casa Antonio Rocco. Per una banale lite tramutatasi in tragedia, l’uomo fu colpito da un colpo di fucile alla spalla. L’episodio si verificò lo scorso 6 aprile. Schioppi fu trasportato d’urgenza presso la clinica Pineta Grande di Castel Volturno per poi essere trasferito al Civile di Caserta.

    Successivamente, vista la gravità delle condizioni cliniche fu immediatamente trasferito al Cardarelli di Napoli e stamane, dopo poco più di un mese è spirato.

    Adesso Antonio Rocco, l’anziano che col fucile ha ferito a morte Schioppi dovrà rispondere anche di omicidio.

    Questa la ricostruzione dei carabinieri elaborata lo scorso 6 aprile:

    “A seguito dell’episodio delittuoso verificatosi nelle prime ore del mattino in Castel Volturno località Baia Verde, i Carabinieri della Compagnia di Mondragone hanno tratto in arresto in flagranza per tentato omicidio  Antonio ROCCO, classe 39, originario di Pozzuoli, pensionato, ex piccolo imprenditore, trasferito a Castel Volturno con la moglie dagli anni 80. In particolare i militari dell’Arma, intervenuti tempestivamente alle ore 8.00 circa di questa mattina in Viale Tafuri a seguito della richiesta d’intervento da parte di un vicino di casa, che aveva provveduto anche alla chiamata di personale del 118, hanno trovato il ROCCO che imbracciava il proprio fucile da caccia marca Beretta cal. 21 ancora fumante. L’uomo, in forte stato di agitazione e confusionale, non ha saputo fare altro che arrendersi all’evidenza.

    Da qui sono partite le indagini. I militari hanno cercato e raccolto testimonianze tra i vicini e passanti, importanti quelle dei familiari dell’autore del reato e del primo vicino che ha prestato i soccorsi. Alla base del folle gesto un rapporto di vicinato ormai sgretolatosi e ridotto ai minimi termini. Musica ad alto rumore per tutta la notte, strani rumori provenienti dal piano terra, e che infastidivano l’uomo che vive al primo piano da circa 5 anni, queste le accuse mosse alla vittima, single, residente stabilmente a Napoli e a Castelvolturno solo nel fine settimana. I Carabinieri hanno eseguito i rilievi sul luogo del delitto ove è stata rinvenuta una borra. L’altra era ritenuta nella spalla destra della vittima, estratta solo a seguito di intervento chirurgico. Il Sostituto Procuratore, Dott.ssa Giorgia De Ponte, ha ritenuto  sottoporre il ROCCO alla detenzione domiciliare ottenuta grazie al suo avvocato Giuseppe Foglia

     

    PUBBLICATO IL: 21 maggio 2013 ALLE ORE 15:54