Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA / CASERTA Una vergogna dietro l’altra – Impalcature pericolosissime dell’ennesimo cantiere morto in Via Colombo. Tutte le foto


      Non è l’unico caso, ma è uno dei più seri. I nomi dei responsabili del cantiere in un cartello, che neanche più si vede. Qui si pratica la legalità delle parole e delle chiacchiere Caserta – Una delle tante troppe vergogne della città di Caserta è costituita dai cantieri, dai lavori eterni, ormai interrotti […]

     

    Nella foto, l’impalcatura “eterna” di Via Colombo – Nelle altre immagini il dettaglio del palazzo ed il cartello obbligatorio dei lavori, ormai illeggibile.

    Non è l’unico caso, ma è uno dei più seri. I nomi dei responsabili del cantiere in un cartello, che neanche più si vede. Qui si pratica la legalità delle parole e delle chiacchiere

    Caserta – Una delle tante troppe vergogne della città di Caserta è costituita dai cantieri, dai lavori eterni, ormai interrotti da un pezzo, in palazzi del centro storico. Cantieri che si offrono alla considerazione del cattivo gusto e disdoro di chi guarda, ma che sono anche molto pericolosi, perchè impalcature montate da anni, mai rimosse, e mai revisionate, possono rappresentare un autentico pericolo per la pubblica incolumità. L’ultimo caso della serie è quello che è stato segnalato a Casertace in Via Colombo, nota traversa di Corso Trieste. A questo sperpetuo abbiamo dedicato un ricco reportage fotografico in cui abbiamo provato, invano, ad effigiare anche il cartello sbiadito, cancellato dalle intemperie, che declina i nomi dei responsabili e i tempi di questi lavori. 

    Direttore del cantiere è un certo Salvatore Imperatrice, di professione geometra. I due direttori dei lavori e progettisti si chiamano, rispettivamente, Antonio Follo, che fa l’architetto e Paolo Di Rienzo, che fa l’ingegnere. L’inizio dei lavori settembre 2008. Sulla conclusione la data non si vede bene, ma dovrebbe essere quella di settembre 2010, cioè due anni fa. Quando qualcuno di chi gestisce i destini parla di legalità, deve sapere cosa significa l’applicazione di questa parola, deve conoscere non solo la sua espressione parolaia, ma anche la sua verità fattuale. Questo cantiere è illegale e chi è deputato a far rispettare la legge in questa città, se ne frega. E queste foto che pubblichiamo ne sono l’oggettiva dimostrazione.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 16 ottobre 2012 ALLE ORE 12:10