Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Esclusiva / Caserta – Altro che concessione, piazza Mercato privatizzata. Anche il marciapiede hanno spostato per far allargare il manufatto de “La Logetta”


        Guardate un po’ ‘ste foto! La carreggiata si restringe, il marciapiede trasla verso la parte destra. La zona pubblica è occupata dalle scale, dalle cucine. Piccola annotazione al margine: sedie e palco dei concerti estivi riparati a costo zero all’ombra del capannone del mercato coperto. Caserta – Uno vorrebbe mollare la presa. Tranquillizzarsi, […]

    Nelle foto in alto, scattate con i piedi posati sul marciapiede pubblico si vede il clamoroso spostamento a destra dello stesso marciapiede. Sulla perpendicolare ci sono scale e cucine de La Logetta. Nelle altro foto, sede e palco smontato all’ombra del mercato coperto

     

     

    Guardate un po’ ‘ste foto! La carreggiata si restringe, il marciapiede trasla verso la parte destra. La zona pubblica è occupata dalle scale, dalle cucine. Piccola annotazione al margine: sedie e palco dei concerti estivi riparati a costo zero all’ombra del capannone del mercato coperto.

    Caserta – Uno vorrebbe mollare la presa. Tranquillizzarsi, evitare di dare l’idea, del resto inesistente, di essersi pigliato una fissazione per una sola storia. Ma non c’è nulla da fare. Quando si passa dalle parti di Piazza Mercato, va da se, impugnare il telefonino e mettersi a fare fotografie.

    Questa cavolo di pizzeria La Logetta, la si vuol far passare come un’attività che sta regolarissimamente dentro ai diritti e alle facoltà del concessionario. In poche parole, Mario Pagano, oltre a gestire il parcheggio e il mercato coperto, avrebbe affittato ad un imprenditore un regolare manufatto, affinchè all’interno dello stesso si possa sviluppare, come poi si è sviluppata, un’attività commerciale. 

    Non è così. Quel locale commerciale ha totalizzato l’uso dell’intera piazza per tutta l’estate e questo esula, che che ne dica Mario Pagano dalle facoltà riconosciute al concessionario da una convenzione che, tra le altre cose nessuno è riuscita a vedere mai e che al comune di Caserta tengono serbata, manco si trattasse del Santo Graal.

    Se poi, come si evince, dalle fotografie che pubblichiamo all’interno di questo servizio, ci metti che sedie, attrezzature e palco per gli happenings estivi sono stati riparati, con tanto di protezione visiva all’ombra del capannone del mercato coperto, capisci che, questa non è una concessione, ma una privatizzazione di uno spazio di proprietà pubblica.

    Questo lo dovrebbero capire Del Gaudio e quelli dell’amministrazione comunale… campa cavallo!

    Ma il fatto più serio è capitato con il marciapiede della stradina su cui si affacciano le cucine della mega pizzeria. Guardate bene le foto. La retta del marciapiede ad un certo punto si interrompe e il marciapiede stesso si sposta a destra, diventa asimmetrico. Nella direzione del marciapiede pubblico ci sono le scale delle cucine, di un ingresso laterale del ristorante e gli spazi delle medesime cucine.

    Ma siamo sicuri che questo manufatto sia legale, sia stato costruito in conformità con la concessione?

    Secondo noi, no!

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 4 ottobre 2012 ALLE ORE 17:11