Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA CAMORRA A MARCIANISE – COLPO DI SCENA. Omidicio Ciccarelli, o’ Coniglio e Salvatore Belforte si dichiarano colpevoli


      I pm della Dda chiesero l’ergastolo per entrambi e per Giovanni Musone NAPOLI – Questa mattina, mercoledì, innanzi al gup del Tribunale di Napoli, la Dott.ssa Ferrigno si è tenuta l’udienza riguardo il processo sull’omicidio di Massimo Ciccarelli, avvenuto il 5 maggio 1997 al parco Verde, e ordito dal clan marcianisano dei Belforte. I […]

    Nelle foto, da sinistra, Antonio della Ventura e Salvatore Belforte

     

    I pm della Dda chiesero l’ergastolo per entrambi e per Giovanni Musone

    NAPOLI – Questa mattina, mercoledì, innanzi al gup del Tribunale di Napoli, la Dott.ssa Ferrigno si è tenuta l’udienza riguardo il processo sull’omicidio di Massimo Ciccarelli, avvenuto il 5 maggio 1997 al parco Verde, e ordito dal clan marcianisano dei Belforte. I pm della Dda hanno chiesto, in tale frangente, durante una lunga requisitoria, che Salvatore Belforte, Antonio Della Ventura detto o’ Coniglio e Giovanni Musone fossero condannati all’ergastolo.

    Stamattina, mercoledì, si è assistito ad un colpo di scena, quando proprio Salvatore Belforte e Antonio Della Ventura hanno ammesso di aver contribuito all’omicidio Ciccarelli.

    Ora si attende la sentenza con rito abbreviato.

    Ovviamente, al di là della confessione bisogna comprendere se la decisione di dichiararsi colpevoli sia stata esplicitata al fine di ottenere uno sconto di pena, chiudendo la partita del giudizio in primo grado.

    Secondo le tesi della Procura della Repubblica, l’omicidio Ciccarelli fu determinato dalla volonta’ dei vertici del clan Belforte di eliminare i rivali per il controllo delle attivita’ illecite sul territorio di Caivano e precisamente nell’area di Parco Verde.

    La pistola usata per il delitto sarebbe stata una Beretta 9×21 e in tale occasione due furono le auto impegnate nella caccia all’uomo del clan Belforte. Secondo quanto acclarato dagli inquirenti fu anche concessa al gruppo di fuoco una ford Fiesta.

    Max Ive

     

    PUBBLICATO IL: 12 febbraio 2014 ALLE ORE 18:10