Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Esclusiva / Ammazzarono l’imprenditore Noviello. Chiesto l’ergastolo per Alfiero, Granato e Bartolucci


      Stamane, mercoledì, il pm Alessandro Milita ha concluso la sua requisitoria e adesso la parola passa alla difesa. Castel Volturno - Il pm, Alessandro Milita, della Dda di Napoli, nell’udienza con rito abbreviato, a carico di Davide Cranato, Massimo Alfiero e Giovanni Bartolucci, accusati dell’omicidio del titolare dell’autoscuola di Castel Volturno, “Mimmo”, Domenico Noviello, […]

    Nelle foto, da sinistra, Davide Granato, Giovanni Bartolucci e Massimo Alfiero

     

    Stamane, mercoledì, il pm Alessandro Milita ha concluso la sua requisitoria e adesso la parola passa alla difesa.

    Castel Volturno - Il pm, Alessandro Milita, della Dda di Napoli, nell’udienza con rito abbreviato, a carico di Davide Cranato, Massimo Alfiero e Giovanni Bartolucci, accusati dell’omicidio del titolare dell’autoscuola di Castel Volturno, “Mimmo”, Domenico Noviello, avvenuto il 16 maggio del 2008 in località Baia Verde, ha richiesto la condanna all’ergastolo.

    Sono diversi i nomi coinvolti, nell’omicidio di Noviello, ma solo questi tre hanno chiesto il rito abbreviato. La richiesta di ergastolo è giustificata, pur trovandoci in un contesto procedimentale di rito abbreviato, dalla contestazione della continuazione del reato di porto e dentenzione di armi.

    Nello specifico, secondo quello che i collaboratori di giustizia, Luigi Tartarone, Massimo Iovine, Oreste Spagnuolo e Massimo Amatrudi, hanno raccontato, Massimo Alfiero fu l’esecutore materiale del delitto, avvenuto a pochi passi dalla pasticceria Natale di Baia Verde, proprio dove oggi sorge il monumento a Domenico Noviello.

    Davide Granato avrebbe svolto il ruolo di specchiettista, mentre  Giovanni Bartolucci avrebbe procurato e fornito una delle due pistole utilizzate nell’agguato (la 9×17).

    Gli altri imputati nel processo, che a differenza di Alfiero, Granato e Bartolucci, hanno scelto il rito ordinario, sono: Giuseppe Setola, Alessandro e Francesco Cirillo, Metello Di Bona, Tammaro Goglia, Giovanni Letizia, Massimiliano Napolano, Cristofaro Santagata.

    Il Gip Iaselli, nel contempo, ha rinviato la discussione della difesa, rappresentata dagli avvocati Angelo Raucci, Romolo Vignola e Giovanni Zannini all’udienza 04 dicembre.

    PUBBLICATO IL: 21 novembre 2012 ALLE ORE 15:15