Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Enzo D’Anna, gran paladino di Nicola Cosentino: “Il rinvio a giudizio? Altro caso di giustizia spettacolo”


      Il deputato di Santa Maria a Vico, difende ancora una volta a spada tratta il parlamentare di Casal di Principe. “Se è stato prosciolto per il concorso in falso, perchè lo hanno mandato a processo per la corruzione?” Caserta - ”Dopo averne richiesto l’arresto per poterlo interrogare in stato di carcerazione, nonostante fosse in […]

    Nelle foto, da sinistra, Enzo D’Anna e Nicola Cosentino

     

    Il deputato di Santa Maria a Vico, difende ancora una volta a spada tratta il parlamentare di Casal di Principe. “Se è stato prosciolto per il concorso in falso, perchè lo hanno mandato a processo per la corruzione?”

    Caserta -Dopo averne richiesto l’arresto per poterlo interrogare in stato di carcerazione, nonostante fosse in corso un regolare processo durante il quale non si e’ ancora trovato il tempo per interrogarlo e metterlo al cospetto dei suoi accusatori, il giudice per le udienze preliminari ha decretato il rinvio a giudizio di Nicola Cosentino per il reato di concorso in corruzione”. A dichiararlo, Vincenzo D’Anna, membro della commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, iscritto al gruppo di Popolo e Territorio, ma eletto parlamentare nelle liste del Popolo delle Liberta’. ‘‘Lo stesso Gup – prosegue il deputato - proscioglie Cosentino dall’accusa di concorso in falso per cui non e’ dato sapere a cosa sia servita, a questo punto, la corruzione che e’ ipotizzata dagli inquirenti, ricordiamolo, proprio per determinare il falso”.

    Giova evidenziare – ribadisce ancora il parlamentare di Pt – che la Suprema Corte di Cassazione ha prosciolto l’on. Nicola Cosentino dall’accusa di corruzione nello stesso procedimento giudiziario ancorche’ si sia in attesa del deposito della sentenza’‘. ”Continua in tal modo”, per D’Anna, ”la giustizia spettacolo che mantiene sotto scacco il parlamentare casertano per accuse ritenute dagli stessi organi giudicanti, ovvero il Gup e la Cassazione, prive di fondamento”. ‘‘La macchina del fango per Cosentino non e’ andata ancora in soffitta” conclude D’Anna.

    PUBBLICATO IL: 21 novembre 2012 ALLE ORE 17:16