Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Agg. ore 22.00 ECCO LE FOTO DEI FANGHI di CASAL DI PRINCIPE. La Dda definisce prudentemente i rifiuti rinvenuti come “SPECIALI”. Sequestrato il suolo dell’immobiliare Bellavista


    Pubblicate stamattina, giovedì dalla collega della Gazzetta di Caserta, Marilena Natale. Il 28 settembre alle ore 17 manifestazione a Casal di Principe organizzata dal comitato Terra dei Fuochi . CASERTACE prende spunto dal comunicato della Procura per cominciare a fare chiarezza sulla classificazione dei rifiuti trovati. Si attende l’esito delle analisi di laboratorio sui fanghi […]

    Nelle foto, gli scavi effettuati ieri a Casal di Principe. Si nota l’acqua della falda acquifera e sul bordo dell’incavo c’è del fango sospetto e un recipiente metallico accartocciato

    Pubblicate stamattina, giovedì dalla collega della Gazzetta di Caserta, Marilena Natale. Il 28 settembre alle ore 17 manifestazione a Casal di Principe organizzata dal comitato Terra dei Fuochi . CASERTACE prende spunto dal comunicato della Procura per cominciare a fare chiarezza sulla classificazione dei rifiuti trovati. Si attende l’esito delle analisi di laboratorio sui fanghi

    di Massimiliano Ive

    CASAL DI PRINCIPE – Pochi istanti fa (sono le 21.59) è giunto in redazione il secondo comunicato ufficiale della Procura della Repubblica di Napoli – sezione Dda riguardo le operazioni di scavo che si stanno svolgendo a Casal di Principe, in via Sondrio, al fine di verificare le dichiarazioni rese dal nuovo pentito, riguardo il traffico e lo sversamento dei rifiuti tossici.

    Cosa comunica in sostanza il procuratore aggiunto Francesco Greco? Che nei due giorni di scavo, quindi ieri, mercoledì ed oggi, giovedì mediante le operazioni di prelievo di campioni effettuate dall’Arpac di Napoli e a seguito delle perforazioni eseguite nel suolo dai reparti speciali dei Vigili del Fuoco, che a loro volta hanno raggiunto la falda (a 10 metri di profondità), sono state raccolte porzioni di fango da analizzare in laboratorio.

    Ma la prima precisazione che viene rilanciata prudentemente dalla Procura nella sua nota stampa è quella riguardante la natura dei rifiuti rinvenuti nel primo giorno di scavo, cioè il 17 settembre. La Dda li definisce “rifiuti speciali” per il momento. Non li caratterizza con l’aggettivo radioattivi o pericolosi. La categoria dei rifiuti pericolosi comprende infatti: i tossici, gli esplosivi, gli infiammabili e i cancerogeni… e via dicendo.

    Quindi cosa sono i rifiuti speciali?

    I rifiuti vengono classificati, in base all’origine: in rifiuti urbani e rifiuti speciali e, in base alle loro caratteristiche di pericolosità, in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi (D.lgs 152/06 art.184 c.1).

    I rifiuti si qualificano anche in base al loro stato fisico:

    • Solido pulverulento
    • Solido non pulverulento
    • Fangoso palabile
    • Liquido
    Sempre in base al D.Lgs. 152/06, art. 184, comma 3, quindi i rifiuti speciali, sono:

    • Rifiuti da attività agricole e agro-industriali;
    • Rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall’art. 184-bis;
    • Rifiuti da lavorazioni industriali;
    • Rifiuti da lavorazioni artigianali;
    • Rifiuti da attività commerciali;
    • Rifiuti da attività di servizio;
    • Rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi;
    • Rifiuti derivanti da attività sanitarie;

    Questo per essere precisi.


     QUI SOTTO IL TESTO DELLA NOTA STAMPA DELLA DDA

     

     

    Agg.14.00 – E’ sempre la nostra collega della Gazzetta di Caserta, Marilena Natale a tenerci aggiornati di quanto succede nella terra dei veleni. Alle ore 14.00 è giunta la notizia del sequestro del terreno di proprietà dell’immobiliare Bellavista dove da giorni si sta scavando.

    Altri prelievi e altri rilievi verranno effettuati negli altri giorni. Infatti gli scavi continueranno al fine di appurare l’entità del danno presumibilmente arrecato ai suoli e alla falda acquifera.

    M.I.

     

    CASAL DI PRINCIPE – Sono state pubblicate le prime foto del ritrovamento di fanghi sospetti a Casal di Principe in via Sondrio. Ovviamente a rilanciare in rete e sulla Gazzetta di Caserta, la notizia è stata la cronista Marilena Natale.

    Come si nota dalle foto postate dalla giornalista si nota un recipiente di latta, quindi metallico e a lato della fanghiglia a grumi di colore grigio molto sospetta.

    Ieri, in loco circolavano voci riguardo la natura delle sostanze ritrovate. Forse mercurio e scarichi siderurgici anche se per confermare tale ipotesi occorrono delle analisi approfondite.

    Di fronte al fiume di notizie che confermano il rinvenimento di presunti rifiuti industriali nei suoli di via Sondrio, il comitato Terra dei Fuochi ha annunciato per il 28 settembre una grande manifestazione senza bandiere, senza sigle, senza comizi da tenersi in città. Alle ore 17 si partirà dal piazzale dello stadio comunale. Al termine della manifestazione, uno studente del posto leggerà il documento elaborato dai tecnici del coordinamento dei comitati.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 19 settembre 2013 ALLE ORE 22:00