Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Agg. 19.10 – E’ un medico 47enne di Aversa la donna morta dopo essere caduta in mare


    La 47enne aversana era giunta con la sua Fiat Mito stamattina, domenica, nella località balneare  flegrea di Torregaveta. I Carabinieri stanno lavorando a ritmo serrato per capire se si tratta di suicidio o di un malaugurato incidente   Agg.19.10 – Secondo fonti attendibili, la donna morta stamane a Torregaveta era un medico di 47 anni e […]

    Nella foto la località balneare flegrea di Torregaveta

    La 47enne aversana era giunta con la sua Fiat Mito stamattina, domenica, nella località balneare  flegrea di Torregaveta. I Carabinieri stanno lavorando a ritmo serrato per capire se si tratta di suicidio o di un malaugurato incidente

     

    Agg.19.10 – Secondo fonti attendibili, la donna morta stamane a Torregaveta era un medico di 47 anni e si chiamava Maria di Grazia.

    NAPOLI – E’ giallo sulla morte di una donna il cui corpo e’ stato recuperato dal mare a Torregaveta, nel comune di Monte di Procida, questa mattina intorno alle 9.30.

    Il corpo senza vita della donna, di eta’ compresa tra i 40-45 anni, e’ stato portato a riva da due subacquei che si sono tuffati in acqua dopo averla vista passeggiare sul pontile della localita’ flegrea. Dalle testimonianze raccolte e da quanto emerge dalle prime indagini condotte dai carabinieri di Pozzuoli e Monte di Procida la donna, originaria di Aversa  e’ giunta nella localita’ balneare flegrea parcheggiando la propria Fiat Mito nell’area a pagamento della stazione ferroviaria della Cumana. Poi si e’ incamminata lungo il pontile a quell’ora ancora deserto perche’ battuto da un forte vento e a tratti flagellato dalle onde del mare mosso. Alcuni testimoni presenti nello spiazzale e nel bar della stazione che avrebbero seguito con occhio incuriosito le azioni della donna l’avrebbero vista ad un certo punto tuffarsi in acqua. A quel punto e’ scattato l’allarme e due subacquei che erano nei pressi si sono subito gettati in mare cercando di trarla in salvo, mettendo a rischio la propria incolumita’ per il mare grosso. Tutto inutile. Una volta a riva la donna e’ risultata gia’ priva di vita e gli interventi di rianimazione prestati e le cure dei sanitari del 118 giunti sul posto allertati dai testimoni non hanno sortito effetto.

    I carabinieri stanno lavorando a ritmo serrato per capire se si tratta di suicidio o di un incidente, anche se le testimonianze e le azioni della donna lascerebbero propendere per la prima ipotesi. Il magistrato di turno, una volta effettuata la ricognizione sul cadavere, ha disposto il trasporto al secondo Policlinico di Napoli e l’esame autoptici

    PUBBLICATO IL: 26 maggio 2013 ALLE ORE 19:05