Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Mega discarica nel cuore del parco del Matese: blitz dei Carabinieri


        E’ stata sottoposto a sequestro un’area di circa 400 metri quadri. L’operazione è stata eseguita dai Carabinieri della locale stazione. Effettuati altri interventi su discariche abusive anche a Piedimonte Matese.   ALIFE - Blitz dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese contro il devastante fenomeno dello smaltimento illecito di rifiuti pericolosi per la salute […]

     

     

    E’ stata sottoposto a sequestro un’area di circa 400 metri quadri. L’operazione è stata eseguita dai Carabinieri della locale stazione. Effettuati altri interventi su discariche abusive anche a Piedimonte Matese.

     

    ALIFE - Blitz dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese contro il devastante fenomeno dello smaltimento illecito di rifiuti pericolosi per la salute pubblica è più in generale contro l’inquinamento ambientale che deturpa le bellezze naturali del territorio. Nelle ultime ore una pattuglia di militari della Stazione di Alife, ha scoperto in una zona  periferica di Sant’Angelo d’Alife, in pieno Parco del Matese, un’area di circa 400 mq, adibita a discarica abusiva, dove erano stati sversati oltre dieci quintali di rifiuti speciali consistenti in materiale di risulta proveniente da lavori edili, taniche in plastica, pneumatici, rottami ferrosi e altri materiali inquinanti. La discarica è stata sottoposta a sequestro, mentre sono in corso ulteriori indagini per accertare se il terreno sia privato o demaniale.

    Intanto i Carabinieri, sono convinti di poter arrivare alla identificazione del responsabile dello smaltimento illecito, in brevissimo tempo. Quella di oggi, segue altre quattro operazioni messe a segno, dall’inizio di quest’anno, dai militari della Compagnia di Piedimonte Matese, nel contrasto ai reati di criminalità ambientale, durante le quali sono finiti sotto sequestro due discariche abusive, circa quaranta quintali di rifiuti speciali, due mezzi di trasporto e denunciate quattro persone alla competente Autorità Giudiziaria.

    PUBBLICATO IL: 13 aprile 2013 ALLE ORE 12:01