Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Diana, ecco la sua verità raccontata ai giudici, su Cosentino, Landolfi, Giuliano, Valente, gli Orsi e Coronella


      A tre giorni dalla testimonianza in aula dell’ex senatore Ds, di cui vi abbiamo già dato ampia menzione, oggi ne definiamo in maniera testuale, tutti i momenti principali, con qualche aggiunta, tipo quella relativa alle famose dimissioni della consigliera comunale di Mondragone CASERTA - A 3 giorni dalla testimonianza resa in aula da Lorenzo […]

    Nelle foto, da sinistra, Lorenzo Diana, Nicola Cosentino, Giuseppe Valente e Sergio Orsi

     

    A tre giorni dalla testimonianza in aula dell’ex senatore Ds, di cui vi abbiamo già dato ampia menzione, oggi ne definiamo in maniera testuale, tutti i momenti principali, con qualche aggiunta, tipo quella relativa alle famose dimissioni della consigliera comunale di Mondragone

    CASERTA - A 3 giorni dalla testimonianza resa in aula da Lorenzo Diana, nel processo che vede imputato Nicola Cosentino, siamo in grado di definire con esattezza i termini di quello che Diana ha dichiarato in quell’udienza su vari argomenti, tutti riguardanti la presunta egemonia che Nicola Cosentino avrebbe esercitato nella politica di Casal di Principe e negli altri comuni dominati dal clan dei Casalesi.

    Lunedì pomeriggio abbiamo ricostruito solo in parte. Oggi siamo in grado quasi di rendervi un resoconto stenografico.

    LE ELEZIONI REGIONALI DEL ’95 -Controreplicando alla replica di Cosentino, che aveva commentato le parole di Diana, affermando che lui non è stato mai candidato a Casal di Principe, l’ex senatore dei Ds ha evidenziato che nel 1995  fu candidato al Consiglio regionale per Forza Italiain provincia di Caserta e in quella occasione raccolse preferenze Anche a Casal di Principe

     

    IL RAPPORTO TRA ANTONIO CAVALIERE ED ENRICO MARTINELLI – Diana ha sostenuto che Antonio Cavaliere, cognato di Cosentino e attualmente agli arresti domiciliari, è stato il braccio destro e accompagnatore fisso di Enrico Martinelli candidato a sindaco di San Cipriano D’ Aversa in una campagna elettorale.

     

    QUESTIONE FRATELLI ORSI-GMC – Su questa vicenda Diana ha evidenziato che la decisione da parte dell’amministrazione di San Cipriano di dare incarico alla Multiservizi Gmc, targata Orsi della raccolta dei rifiuti, con una delibera del Consiglio comunale, rispetto alla quale, secondo Lorenzo Diana, l’opposizione da lui guidata avrebbe votato no, si sarebbe poi tradotta nello screzio dal quale i suoi rapporti, storicamente fluidi e improntati alla solidarietà politica, con Angelo Brancaccio, si sarebbero rovinati. Nella sua dichiarazione, dunque, Diana fa capire che Brancaccio difendeva al tempo gli interessi dei fratelli Orsi (questo lo aggiungiamo noi) almeno per quel che riguarda Sergio, avevano aderito ai Ds, sottoscrivendo, addirittura, la tessera.

    E qui Diana ha detto delle parole precise: “Fu quindi Brancaccio, che sollecitato dagli Orsi, a chiedermi Spiegazioni, sul perchè mi fossi opposto a quella delibera”.

    Da qui, ha ribadito Diana in aula ” iniziò la fase che mi portò a rompere i rapporti con Brancaccio”.

     

    QUESTIONE CE 4-VALENTE –  Diana ha affermato: “Valente, presidente del CE4  si vantava che Cosentino era il suo sponsor politico e che quindi si sentiva forte e protetto“. L’ex senatore ha poi aggiunto: “All’indomani della mia denuncia al Prefetto sul caso D’Agostino, la consigliera comunale di Mondragone poi dimessasi, Cosentino insieme a Giuliano, Landolfi e Coronella si recarono dal Prefetto stesso, all’ epoca Schilardi, per stoppare il mio tentativo“.

     

    QUESTIONE DE FRANCISCIS – “Uno dei motivi del mio allontanamento dal partito dei Ds fu anche legato all’atteggiamento che De Franciscis ebbe nella campagna elettorale dell’elezioni provinciali del 2005 che lo opposero al candidato del centrodestra, che fu proprio Nicola Cosentino. Sì è vero, c’era Nicola Ferraro a sostenere De Franciscis e il centrosinistra. Sconsigliai a De Franciscis di fare comizi con qualche personaggio di Casal di Principe. “.

     

    QUESTIONE AGRORINASCE - Diana ha ricordato che il Consorzio, da lui creato, cominciò poi ad attirare gli interessi del PDL. “Per questo mi opposi fermamente al fine di scongiurare infiltrazioni criminali. Una reazione a questo sbarramento fu  l’interrogazione parlamentare presentata del Sen. Giuliano su un terreno confiscato e gestito da Libera a Casal di Principe“. E a tal proposito la dichiarazione di Diana al pm Milita è stata: “ capirete cosa vuol dire presentare un’interrogazione parlamentare contro Libera a Casal di Principe !!!

    PUBBLICATO IL: 31 gennaio 2013 ALLE ORE 15:19