Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Costruisce una palazzina a ridosso del parco regionale del Matese: sequestrato il fabbricato e denunciato il proprietario


    L’operazione eseguita dai carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese e della stazione di Alvignano. Controlli sui cantieri Alvignano - Continuano le operazioni dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, finalizzate a contrastare il fenomeno degli abusi edilizi e per tutelare la sicurezza sui luoghi di lavoro e la regolarità occupazionale. Nel corso dei controlli, sono […]

    Nella foto, il fabbricato sequestrato

    L’operazione eseguita dai carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese e della stazione di Alvignano. Controlli sui cantieri

    Alvignano - Continuano le operazioni dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, finalizzate a contrastare il fenomeno degli abusi edilizi e per tutelare la sicurezza sui luoghi di lavoro e la regolarità occupazionale. Nel corso dei controlli, sono state passate ancora una volta al setaccio varie località del comprensorio matesino, tra cui Piedimonte, Alvignano e Alife,  particolarmente sensibili sotto il profilo ambientale, in quanto ricadenti nel parco regionale del Matese. ad Alvignano, i militari della locale stazione hanno proceduto al sequestro di un fabbricato destinato a private abitazioni, in assenza delle prescritte concessioni edilizie.

    Il valore dell’immobile si aggirerebbe intorno ai centomila euro. Il proprietario della struttura, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Gli accertamenti sono stati estesi anche ad altri cantieri al fine di riscontrare eventuali violazioni alle norme in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, tra le quali la mancanza di adeguate impalcature o ponteggi, mancanza di idonee protezioni per gli operai, presenza di vari materiali posizionati in maniera tale da procurare grave pericolo per gli stessi lavoratori e sulla regolare redazione della prevista documentazione relativa al piano operativo di sicurezza del cantiere. Sono stati, inoltre, eseguiti controlli per verificare la presenza di lavoratori in nero, e proprio tra Alvignano e Alife è stata riscontrata la presenza su due cantieri edili di operai non regolarizzati in misura superiore al 20% e di varie violazioni alla normativa che tutela la sicurezza sui luoghi di lavoro.

    Per questi motivi sono stati denunciati i rappresentanti legali delle due imprese edili e i cantieri sono stati sottoposti a sequestro. Dall’inizio del 2012 sono state ben 29 le strutture e i cantieri edili a cui sono stati posti i sigilli, per un valore complessivo di oltre cinque milioni di euro, mentre 47 sono state le persone denunciate durante le operazioni condotte dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese.

    PUBBLICATO IL: 14 novembre 2012 ALLE ORE 9:00