Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Coltelli, pistola in pugno e mega rissa a CASCANO DI SESSA, chiusura indagini della Procura. Indagati 4 MONDRAGONESI e 1 di CARINOLA


      Il dispositivo sottoscritto dal Sostituto Procuratore Carlo Fucci avvia una procedura che è l’anticamere di un possibile processo, se sarà formulata e accolta la richiesta di rinvio a giudizio MONDRAGONE – Rissa, minacce, lesioni personali e possesso anche di una pistola carica pronta a sparare questi sono gli elementi evidenziati dalla Procura della Repubblica di […]

    Nella foto il tribunale di S.Maria C.V

     

    Il dispositivo sottoscritto dal Sostituto Procuratore Carlo Fucci avvia una procedura che è l’anticamere di un possibile processo, se sarà formulata e accolta la richiesta di rinvio a giudizio

    MONDRAGONE – Rissa, minacce, lesioni personali e possesso anche di una pistola carica pronta a sparare questi sono gli elementi evidenziati dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere nel procedimento di chiusura indagini che vede coinvolti  in una serie di eventi delittuosi verificatisi tra il 7 e l’8 settembre 2010 tra Sessa Aurunca e Carinola, nella frazione di Cascano, ai danni di 4 persone, Orso Nievo residente a Carinola, Alfredo Cascarino di Mondragone, Alfredo Opera di Mondragone, Sergio Pagliuca, anch’egli di Mondragone e Tommaso Cascarino, sempre di Mondragone.

    Dopo circa 4 anni mediante un dispositivo sottoscritto dal sostituto procuratore Carlo Fucci, la Procura intende chiudere una vicenda giudiziaria che adesso dovrà essere perfezionata o con una richiesta di rinvio a giudizio tesa a processare gli indagati o chiudere qui la partita.

    I fatti contestati dai pm agli aggressori tengono conto, nel contempo di una serie di episodi violenti, che secondo sempre la Procura sarebbero stati causati da una lite furibonda.  In tale occasione sarebbero state consumate anche minacce con l’uso di una pistola pronta all’uso e un gruppo nutrito di persone,  costituito anche dagli indagati avrebbero poi inferto una dura punizione con lesioni personali utilizzando un casco e alcuni coltelli, provocando così ad una delle vittime “un trauma toracico con contusione polmonare” e spedendo gli altri tre aggrediti in ospedale.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 15 febbraio 2014 ALLE ORE 11:44