Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Che giornate per caraninieri e finanzieri!!! Tonnellate di botti sequestrat. 30 persone denunciate a Marcianise, S.Clemente di Caserta, Macerata Aversa e Riardo


    Un vero e proprio tour de force delle forze dell’ordine negli ultimi giorni prima del Capodanno. TUTTI I NUMERI CASERTA – Ultime ore prima del Capodanno trascorse nella massima concentrazione da parte delle forze dell”ordine, impegnatissime a cercare di atginare la vendita e l’uso illegali di botti pericolosi, in modo da ridurre il più possibile […]

    Un vero e proprio tour de force delle forze dell’ordine negli ultimi giorni prima del Capodanno. TUTTI I NUMERI

    CASERTA – Ultime ore prima del Capodanno trascorse nella massima concentrazione da parte delle forze dell”ordine, impegnatissime a cercare di atginare la vendita e l’uso illegali di botti pericolosi, in modo da ridurre il più possibile il numero dei morti e dei feriti, che, purtoppo, stanotte, non hanno risparmiato questa provincia, come si piò leggere in altri articoli.
    Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta ha effettuato numerosi controlli  in tutta la provincia, con la finalità di ritirare dal
    mercato prodotti potenzialmente pericolosi per la sicurezza e l’incolumità dei cittadini.
    Le Fiamme Gialle, negli ultimi giorni dell’anno, hanno quindi sottoposto a sequestro
    complessivamente circa 200.000 artifizi pirotecnici appartenenti alla IV e V categoria, per un peso di oltre 6 tonnellate.
    26 le persone denunciate alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, di cui una tratta in arresto perché sorpresa in flagranza di reato mentre trasportava illegalmente un quantitativo di “botti” superiore a 850 chilogrammi.
    I Comuni maggiormente monitorati e dove sono stati effettuati i sequestri più sostanziosi sono stati quelli di Caserta, Aversa, Capua, Succivo, Curti, Santa Maria Capua Vetere,
    Casal di Principe, Cesa, Gioia Sannitica e Caianello.

    In particolare, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta hanno individuato
    una ditta in Maddaloni regolarmente autorizzata, ma che deteneva per la vendita fuochi
    non conformi alle normative di sicurezza previste dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica
    Sicurezza. In tale circostanza, sono stati sottoposti a sequestro oltre 45.000 artifizi pirotecnici, per un peso di circa 720 Kg..

    La Compagnia di Marcianise ha scoperto un deposito clandestino in località San Clemente di Caserta, abilmente occultato nelle sterpaglie della campagna. In questo caso, le
    Fiamme Gialle hanno sottoposto a sequestro circa 1.100 artifizi già ultimati (rendini, trac, cipolle, ecc), per un totale di circa 250 Kg..

    Lavoro intenso anche per i carabinieri, che a Marcianise ,  hanno, rinvenuto e sequestro, a Marcianise, d44 chili  di prodotti pirici di genere proibito (4^ e 5^ categoria) e fuochi di libera vendita non catalogati, stoccati all’interno di un chiosco allestito in viale Ghandi da tre persone, tutte deferite in stato di libertà.

    I militari della stazione di Macerata Campania invece, hanno rinvenutio e sequestro di  320 chili di prodotti pirici di genere proibito (5^ categoria) e fuochi di libera vendita non catalogati custoditi all’interno di un garage ed un abitazione in uso a un 71enne del luogo, anch’egli deferito.
    Il materiale pirotecnico sequestrato dai carabammonta, dunque, complessivamente a Kg. 364, e sarà fatto brillare a cura del personale artificeri del Comando Provinciale Carabinieri di Caserta, su disposizione dell’A.G.

    Ancora carabinieri, in questo caso quelli della stazione di Pietramelara, in azione a Riardohanno denunciato, in stato di libertà, una 42enne del luogo, responsabile del reato di commercio abusivo di materiali esplodenti. Nella circostanza, i militari dell’Arma a seguito di un controllo all’attività di rivendita di materiale elettrico e ferramenta svolta dalla donna, hanno rinvenuto 15 kg. di manufatti pirotecnici catalogati nella IV e V categoria, gruppo C, finalizzati al commercio e illecitamente detenuti perché non rientranti nelle prescritte categorie. Il materiale è stato sottoposto a sequestro.

     

    PUBBLICATO IL: 1 gennaio 2013 ALLE ORE 8:59