Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Che doccia fredda per Cosentino! Il giudice: “Rischio di voto di scambio se sarà ricandidato”


      Rese note le motivazioni per le quali il Gip De Gregorio ha respinto l’istanza di revoca dell’ordinanza relativa al “Principe e la (scheda) ballerina Caserta - Si è tramutato in un boomerang il tentativo operato da Nicola Cosentino di ottenere la revoca delle ordinanze di custodia cautelare relativa all’operazione Il Principe e la (scheda) […]

    Nella foto, Nicola Cosentino

     

    Rese note le motivazioni per le quali il Gip De Gregorio ha respinto l’istanza di revoca dell’ordinanza relativa al “Principe e la (scheda) ballerina

    Caserta - Si è tramutato in un boomerang il tentativo operato da Nicola Cosentino di ottenere la revoca delle ordinanze di custodia cautelare relativa all’operazione Il Principe e la (scheda) ballerina.

    Un boomerang, perchè il Gip del Tribunale di Napoli De Gregorio, che ha respinto l’istanza, ha rincarato la dose, entrando nel perimetro della valutazione politica attinente alla prossima campagna elettorale. “Le prossime elezioni possono configurare un rischio di nuovi episodi di voti di scambio qualora Nicola Cosentino, parlamentare del Pdl ed ex sottosegretario all’Economia, venisse ricandidato.”

    Insomma, questa affermazione del giudice rischia di complicare, in qualche modo, la candidatura di Cosentino alla Camera o, più probabilmente al Senato, alle elezioni del 24 e del 25 febbraio. E se non la complica offre una formidabile arma di propaganda al Pd e a tutti gli avversari del Pdl, proprio in quella Campania che, nei sondaggi e nelle previsioni di questi giorni, rappresenta una delle regioni chiave per stabilire se il centro sinistra di Bersani e Vendola avrà o meno la maggioranza anche nell’assemblea di Palazzo Madama.

    Secondo il magistrato, il rischio di condizionamento si puo’ desumere da quanto ”finora raccolto nelle indagini”, come le recenti dichiarazioni del pentito Orlando Lucariello, e dagli elementi indicati nel decreto di citazione del primo processo a carico di Cosentino (dove e’ accusato di concorso esterno in associazione camorristica) in cui ”si fa riferimento al sostegno elettorale” che sarebbe stato garantito al parlamentare del Pdl ”dal clan dei Casalesi in plurime elezioni locali e nazionali”.

     

    PUBBLICATO IL: 28 dicembre 2012 ALLE ORE 14:55