Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CELLOLE, Completamento di via Trapani con quattro mesi di ritardo sul groppone.


    Ritardi dovuti a pianificazioni realizzate concordemente con il Consorzio Aurunco Bonifica e con l’eliminazione di alcuni pali. Secondo Izzo, colpa anche del maltempo. CELLOLE- Riprenderanno prossimamente i lavori di completamento di via Trapani, ad annunciarlo è il sindaco di Cellole, Aldo Izzo, congiuntamente all’assessore ai Lavori pubblici, Arturo Montecuollo. L’appalto è stato aggiudicato a marzo 2013 ed i […]

    Nella foto Aldo Izzo e Arturo Montecuollo

    Ritardi dovuti a pianificazioni realizzate concordemente con il Consorzio Aurunco Bonifica e con l’eliminazione di alcuni pali. Secondo Izzo, colpa anche del maltempo.

    CELLOLE- Riprenderanno prossimamente i lavori di completamento di via Trapani, ad annunciarlo è il sindaco di Cellole, Aldo Izzo, congiuntamente all’assessore ai Lavori pubblici, Arturo Montecuollo. L’appalto è stato aggiudicato a marzo 2013 ed i lavori da contratto dovevano terminare ad ottobre 2013. Siamo giunti a febbraio e i lavori sono fermi per vari motivi, con un ritardo di 4 mesi.

    Problemi si sono verificati con condotte del sottosuolo afferenti al Consorzio Aurunco di Bonifica e con pali sul suolo attinenti al servizio elettrico ENEL.

    Il prosieguo dei lavori è stato possibile solo dopo l’intervento dell’ENEL per lo spostamento della linea aerea e l’eliminazione di alcuni pali,  che restavano all’interno della carreggiata. . Intanto,  l’amministrazione ha  definito anche l’acquisizione in via bonaria di un’ ulteriore striscia di terreno privato, necessaria a migliorare e garantire l’accesso su via Trapani per chi arriva da via Milano, ha spiegato l’assessore Montecuollo “visto che tale  accesso su via Milano avviene in piena curva, si è avvertita la necessità di ampliare detto incrocio in modo da eliminare qualunque pericolo per pedoni ed automobilisti”. Il sindaco Izzo, invece, sostiene che a rallentare la riapertura dei cantieri, hanno contribuito, tra l’altro, le cattive condizioni metereologiche.

    Antonio Caputo

     

     

    PUBBLICATO IL: 14 febbraio 2014 ALLE ORE 11:48