Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA – Dopo la “porcata” della raccolta delle firme contro la De Negri, e dopo il no di Emilio Caterino, il sindaco ha solo un’arma: la revoca


      Emerge un altro retroscena e cioè quello relativo al netto rifiuto, opposto dall’assessore alle Attività produttive alla richiesta del primo cittadino di farsi da parte.   CASERTA – La testa dell’assessore De Negri non basta. Per accogliere le richieste del gruppo federato Udc – Fratelli d’Italia più l’indipendente Saverio Russo, il sindaco Del Gaudio, di […]

    Nelle foto, da sinistra, Maria Felicita De Negri, Pio Del Gaudio e Emilio Caterino

     

    Emerge un altro retroscena e cioè quello relativo al netto rifiuto, opposto dall’assessore alle Attività produttive alla richiesta del primo cittadino di farsi da parte.

     

    CASERTA – La testa dell’assessore De Negri non basta. Per accogliere le richieste del gruppo federato Udc – Fratelli d’Italia più l’indipendente Saverio Russo, il sindaco Del Gaudio, di posti in giunta, ne deve liberare 2.

    Nelle scorse settimane ha tentato con Emilio Caterino che però ha respinto con facilità la richiesta del sindaco, avendo a disposizione, evidentemente, degli argomenti molto convincenti.

    E allora, siamo al punto di partenza. Al di là delle offensive raccolte di firme, il sindaco ha la facoltà, garantitagli dalla legge, di nominare, ma anche di revocare gli assessori.

    Per far posto ai due assessori rivendicati dai Federati, ha una sola strada: la revoca. 

    Dunque se il sindaco Del Gaudio possiede attributi politici, non gli resta altro da fare che firmare il ben servito per la De Negri e Nello Spirito, in modo da completare una giunta, magari con Mariano e con un assessore di sesso femminile, targato Udc, stile Cincotti, per intenderci.

    La seconda strada sarebbe quella di togliere la carica di vicesindaco ad Enzo Ferraro, ma anche in questo caso non se ne parla proprio, dato che quello ha unito e unisce Del Gaudio, Polverino ed Enzo Ferraro non un patto politico, ma un patto di sangue.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 1 novembre 2013 ALLE ORE 13:34