Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Agg. 20.04 Castel Volturno / Droga e Mafia Nera. Ucciso con ripetuti fendenti nella pineta di Pinetamare, il cadavere di un 30enne ritrovato dai carabinieri


      La compagnia dei carabinieri di Mondragone avvia una meticolosa indagine. Non si esclude che il delitto sia maturato in ambienti legati al mondo dello spaccio di stupefacenti Aggiornamento – 19.56 Il corpo del cadavere rinvenuto nella pineta del Villaggio Coppola è stato scoperto da un passante che ha allertato gli uomini dell’Arma dipendenti dalla compagnia […]

     

    Una veduta dall’alto del Villaggio Coppola, Pinetamare

    La compagnia dei carabinieri di Mondragone avvia una meticolosa indagine. Non si esclude che il delitto sia maturato in ambienti legati al mondo dello spaccio di stupefacenti

    Aggiornamento – 19.56 Il corpo del cadavere rinvenuto nella pineta del Villaggio Coppola è stato scoperto da un passante che ha allertato gli uomini dell’Arma dipendenti dalla compagnia dei Carabinieri di Mondragone, al comando del capitano Lorenzo Iacobone. Subito è stata avviata l’indagine, da parte degli uomini della Benemerita per scoprire i retroscena dell’omicidio commesso nella località turistica di Castel Volturno.

    La vittima è Iheme Odestus, nigeriano di 32 anni. Non si esclude che il delitto possa essere maturato in ambienti legati al mondo della droga. Castel Volturno, infatti, è divenuta nel tempo una piazza importante per lo spaccio della cocaina, dell’eroina, ecc.

    Addirittura, dopo l’egemonia criminale dei casalesi nella gestione del traffico della droga, sono subentrati nuovi cartelli gestiti direttamente dalla mafia nera: nigeriani e senegalesi.

     

    Castel Volturno - Il cadavere di un cittadino nigeriano di circa 30 anni e’ stato trovato all’interno di una pineta, in localita’ Pinetamare a Castel Volturno. L’uomo, hanno accertato i carabinieri intervenuti in seguito alla segnalazione di un passante, aveva numerose ferite sul corpo, in particolare sul torace e sul polso, probabilmente inferte da un’arma da taglio, anche se al momento non si escludono altre ipotesi. Lo straniero aveva regolare permesso di soggiorno.

     

     

     

    PUBBLICATO IL: 1 novembre 2012 ALLE ORE 19:47